Non sono più una band promettente, ma tra le migliori realtà della scena musicale contemporanea. Il gruppo norvegese si sta imponendo con un menù originale ed efficace. I Muse più tenebrosi arrivano al loro sesto album dopo il già convincente “Malina” e chiaramente aspirano al salto di qualità decisivo anche  a livello commerciale. La formula sembra essere il maggiore focus sulle qualità del vocalist e frontman Einar Solberg e già il pezzo d’apertura “Below” conduce in questa direzione. Armonie vocali maestose, archi che ne enfatizzano la magniloquenza del brano e le chitarre di puro abbellimento e ricamo. Un singolo bellissimo ed efficacissimo. Nella successiva “I lose hope” Solberg dimostra le sue diverse capacità interpretative  e vocali cimentandosi in un pezzo più danzereccio, dal sound 80’. Anche la delicata e sussurata “Observe the train” è una testimonianza della versatilità vocale del frontman, i primi Queen qui hanno ispirato parecchio questa ballad. “By my throne” invece ci riporta alle loro vecchie produzioni, vecchie per dire “Malina”! Qui voglio menzionare la prova dell’altro grande fenomeno della band, il batterista Baard Kolstad che inizia solo a scaldare le pelli. Invece con “Alleviate” si torna alla magniloquenza vocale del brano d’apertura, la costruzione e l’uso degli strumenti del brano è geniale. La seconda metà dell’album si fa più complessa, diciamo più prog ed i toni più drammatici. “At the bottom”  è un saliscendi emozionale in cui si intrecciano refrain irresistibili, e poi il fraseggio di un meraviglioso violino verso un finale ritmico che dimostra tutto il gusto e l’abilità di Kolstad. L’asticella si mantiene elevatissima anche con “Distant bells”: l’atmosfera melodrammatica è inizialmente condotta da piano, violino e Solberg che destreggia vocalizzi spaziali, poi succede che le chitarre iniziano a  carburare l’esplosione finale in un crescendo che lascia senza fiato e tanti tanti brividi, tra orchestrazioni e falsetti eccezionali. Un pezzo meraviglioso. “Foreigner” non poteva che fungeere da decompressore e quasi passare in sordina per il grande finale. Infatti sarà “The sky is red” il vero ultimo capolavoro. 11 minuti di arte in cui ogni singolo musicista alza il tiro al massimo e si condensano in un esperienza musicale straordinaria, c’è tutta l’epicità e la sospensione affascinante di “Echo” ma quello che accade nei 4 minuti finali è sconvolgente, una costruzione dei suoni a dir poco spaziale, indescrivibile. Beh, con un finale così ai Leprous manca pochissimo, ma proprio pochissimo per firmare il capolavoro, sento che manca qualcosina ancora, non saprei cosa, forse non tutti hanno espresso al massimo le loro enormi potenzialità e Solberg è troppo protagonista?!
Best tracks: “At the bottom”, “Distant bells”, “The sky is red”.  8/10

HANS ZIMMER in tour:
Date in Italy: Bologna, 17 mars 2021, Unipol Arena,  Milano, 18 mars 2021, Mediolanum Forum Assago.




 


Tredicesimo album per la prolifica ed originale band svedese che prosegue ormai sui territori prog-sperimentali che ci hanno regalato quel bellissimo “Pale Communion” di 5 anni fa. Ad introdurre la nuova musica, registrata e disponibile anche con cantato in lingua svedese, è la strumentale e spaziale “Garden of earthly delights”, mentre l’istrionico leader Akerfeldt sale in cattedra con “Dignity”, il single su cui è stata allestita una bellissima videoclip. Con “Heart in hand” sembra di ascoltare i leggendari primissimi Deep Purple nelle parti ritmiche ed insieme gli Uriah Heep nelle parti vocali, un pezzo arricchito da tanta maestria sulle sei corde, elettrice ed acustiche. Il sound dei 70’ domina anche la successiva “Next of kin”, composizione fin troppo pomposa ed articolata in cui si alternano momenti acustici ad altri epici. ”Lovelorn crime” ci riporta a certe ballate alla Kansas, un mid-tempo costruito al piano ed inserti di mellotron che innescano un bel guitar solo più moderno, ma resta una composizione senza clamori. “Charlatan” invece è un pezzo decisamente più dinamico e astruso, cambi di ritmo, tempi dispari sono il pane per denti progressivi ma difficilmente digeribile. Toni epici in “Universal truth” costruita su ricercate armonie vocali, saliscendi folkeggianti. Davvero più interessante ed originale la successiva “The garroter” che apre il folk al jazz con maestria disarmante, qualcosa di veramente riuscito e avvincente. L’iniziale ritmica di “Continuum” faceva presagire a qualcosa di molto originale e sperimentale ma il pezzo prosegue con tanti strappi elettrici e vocali, prevedibili. Il finale spetta a “All things will pass” ed è un grido al pericolo della tecnologia tradotto da un riffone epico, o che comunque vuol farsi ricordare. L’album non lo ricorderò però tra i loro migliori, perché esageratamente articolato ed ambizioso, forse.
Best tracks: “Dignity”, “Heart in hand”, The garroter”. 7/10

 


Tra le Prog-band più longeve del post Genesis, il marchio inglese IQ giunge (dal 1983) all’undicesimo capitolo, e con la puntuale scadenza periodica dei 5 anni promuovono il successore del loro ultimo e bellissimo “The road of bones”. Un doppio CD di musica che non sembra aggiungere altro alla loro discografia, a volte fin troppo scontata ed anche scollegata. L’intro “A missile” ne è la migliore testimonianza: pezzo sostenuto ed aperture tastieristiche come da copione. Anche la successiva “Rise” si evolve in modo prevedibile ma è un bel pezzo atmosferico che valorizza la voce (ed il cantato) di NIcholls. La malinconia delle note introduttive di Durant in “Stay down” firmano il loro pezzo più riuscito, costruito egregiamente e rimandandoci alle sonorità di quel capolavoro di “Subterranea”. “Alampandria” richiama inizialmente al Medio Oriente ma poi esplode in luoghi fin troppo conosciuti. Sconclusionata. La successiva ed atmosferica “Shallow bay” si lascia ricordare per l’intervento chitarristico finale di Mike Holmes, dopo oltre 20 minuti dall’inizio dell’album. L’interessante lavoro “alle pelli” di Cook impreziosiscono la sussurrata ed acustica “If anything”, che trova lo spazio anche per l’organo finale di Durant. La lunga “For another lifetime” conclude il primo CD con atmosfere rarefatte ed astruse, il pezzo più prog ma anche il più sconclusionato. Il secondo disco propone la prima delle 2 lunghe suite, “The great spirit way” non ha un motivo conduttore, un pomposo e confuso prog senza trame avvincenti. Più coesa ed affascinante “Fire and security”. “Perfect space” si fa apprezzare per le doti tecniche dei singoli musicisti e niente più. “Fallout” è l’ultima suite di “Resistance”, una cavalcata sonora senza idee vincenti. Purtroppo un passo indietro rispetto i precedenti lavori, anzi anche due. Non si poteva pretendere un altro capolavoro, ma dopo 5 anni qualche idea interessante decisamente si.
Best tracks: “Rise”, “Stay down”.  6/10

 


L’attesa è finita. Il nuovo album dei Tool è servito dopo ben 13 anni! Il loro quinto dall’esordio datato 1993 si arricchisce di cyber-atmosfere, maggiore utilizzo dei sintetizzatori ed il cantato di Keenan di pura modulazione. I fan sono stati premiati anche da un packaging della confezione (limited edition!) sensazionale: grafiche e contenuti deluxe con incluso schermo e video per un immersione totale all’ascolto. I Tool hanno sempre curato il loro visual ed anche i loro spettacoli live si manifestano come eventi multimediali. La title-track apre il disco senza clamori particolari, una perfetta sintesi del loro sound tenebroso, tribale, astruso; Keenan accompagna, sussurra, quasi imbastendo in alcune sezioni un motivo rap, poi è la ritmica a farla da padrone sul motivo di Adams ripetuto per tutto il pezzo. Decisamente più interessante e coinvolgente la successiva “Pneuma”, un riff cadenzato, lento ed oscuro inseguito perfettamente dal cantato… per poi divagare tra atmosferici inserti synth che sfociano invitabilmente in un finale “arriffato” e arrabbiato. “Invincible” apre con un atmosfera sospesa, percussioni e basso di Chancellor in evidenza poi succede improvvisamente qualcosa di geniale: Jones attracca note chitarristiche e poi un motivo sintetizzato ci catapulta in un universo lisergico, prima con il vocoder di Keenan, poi le bacchette magistrali di Carey disegnano percorsi in levare davvero travolgenti. La successiva “Descending” sembra essere il pezzo più “armonicamente corretto”, alla “Perfect Circle” per capirci, ma dopo i primi 5 minuti sale in cattedra Adams che tesse trame chitarristiche avvincenti, direi meglio spaziali, perché nel finale sembra di essere entrati in universi oscuri tra solos e wah-wah di un Adams compositivamente in grande spolvero. L’iniziale atmosfera pacata di “Culling voices”, costruita su lungo arpeggiato di Adams, si spezza quando Carey si dimostra stanco di aspettare! La strumentale “Chocolate chip tap” è una gemma lisergica e percussiva di Carey, che sfodera tutta la sua creatività. La chiusura è affidata a  “7empest” e sembra voglia “sintetizzare” (!) da sola l’intero lavoro. Un pezzo aggressivo, a dire il vero un po’ confuso, in cui emergono lunghi intermezzi strumentali, quasi da jam session…anche molto belli. Era il settimo pezzo, ed il 7 sembra riproporsi costantemente sia a livello musicale (ritmica) che concettuale. Per dire che i Tool non lasciano nulla al caso, i Tool vogliono essere oltre la Rock-band: la simbologia ed i testi impegnati, a dispetto "dell 'autodistruzione dell’uomo” e dell' impossibilità "di galleggiare all’infinito”, loro vanno avanti, lentamente ci portano un altro piccolo capolavoro.
Best tracks: “Pneuma”, “Invincible”, “Descending”.  8/10



 


La sua carriera solista procede spedita e parallela a quella dei Radiohead, ed a 5 anni dal suo “Tomorrow’s  modern boxes” propone sul mercato (classico) il suo disco più claustrofobico, algido ed inquieto, anzi inquietante! Musicalmente affidato ormai ai suoi beat elettronici sempre meno prestati all’armonia ed alla melodia (rispetto a “The eraser”, per eesmpio) e più ad una costruzione raffinata e vorticosa di paesaggi sonori che accompagnassero le sue visioni, quelle interpretate magistralmente in tour dall’artista visivo Tarik Barri. L’elettronica di Yorke qui si avvicina più ad un Brian Eno d’annata che alla trance cosmica di Schulze o melodica di Jarre. E’ sempre il fido Nigel Godrich a dirigere le operazioni in questo vero labirinto sonoro, ma così facilmente riconoscibile da diventare quasi schedato, noioso. I temi trattati sono quelli attualissimi e trafficatissimi: “Traffic” apre bene con l’ossessivo beat che inizia a scavare nel disco, “Last I heard” invece accenna ad una melodia con un puntellato uso dell’organo ma sempre dentro un atmosfera avvolgente  ed onirica, davvero un gran pezzo. “Twist” è un loop cadenzato da 2 note di pianoforte, la successiva “Dawn Chorus” è tra i suoi pezzi più belli in assoluto, voce sussurrata in un atmosfera slow motion, davvero da brividi. Sorvolo l’inutile ed arida “I am a very rude person” e passo ad un altro pezzo interessante: “Not the news”, altro ossessivo beat immerso tra orchestrazioni e cori in un’ astrusa atmosfera onirica. “The axe” è spaziale, avvolta in una raffica di colpi sonori circolari, rimanda a tratti a quella meravigliosa melanconia di “Exit music”. “Impossible knots” passa senza emozione alcuna, mentre “Runwayaway” è l’epilogo degno: intrecci afro-psichedelici legati da un refrain elettronico che a sua volta innesca un’algida melodia. Yorke firma certamente il suo lavoro migliore, un disco che richiede ripetuti e completi ascolti perché si apprezzino le numerose ed articolate sfaccettature musicali… com’è giusto che sia quando si esplorano i misteriosi territori dell’Anima.
Best tracks: “Dawn chorus”, “The axe”, “Runwayaway”. 8/10


 

 

Finalmente è nata la nuova fiammante creatura della band tedesca. Dieci anni di parto, no, di concepimento, tra “live” clamorosi e spettacolari e progetti satellitari, il marchio Rammstein timbra il disco più atteso di quest’epoca (insieme a quello dei Tool). Come sorprendere ancora dopo aver trovato una formula musicale così vincente? Cosa può esserci oltre quel muro granitico delle chitarre che protegge e libera il cantato tedesco, teatrale e cadenzato di Lindemann armato delle invenzioni elettroniche di Lorenz? Sostanzialmente null’altro, solo un arricchimento negli arrangiamenti di una formula vincente ed ormai matura. L’open track è quel primo singolo/videoclip che ha da solo vinto ogni record (30 milioni di  visualizzazioni in pochi giorni su Youtube), difficile stabilire se sia più bello il pezzo musicale o il cortometraggio d’autore: “Deutschland” è ormai un inno, costruito su una base elettronica arpeggiata a gran velocità, liberando poi quel sontuoso refrain che rimarrà memorizzato già al primo ascolto. Travolgente ed ipnotica, raccoglie la storia controversa della terra germanica, una storia che finisce tra le meravigliose e seducenti note di pianoforte, apprezzabili solo nel video! L’ironia dei dissacranti Rammstein non è da sottovalutare mai, per questo sfoggiano un hit-single eighties: “Radio” sfodera un mix mostruoso di coesione tra riff devastanti, refrain avvincente e base tastieristica da disco. Non c’è un attimo di tregua, parte subito la gotica “Zeigh dich”, nel martellante  muro di riff maestosi  ed in quel buio scenario sabbathiano si scaglia quella lingua tedesca  così perfetta nella sua apparente antimusicalità. Lindemann non sembra soddisfatto abbastanza delle sue provocazioni, così si dimena stavolta in un contesto “techno”: frasi ad effetto in multilingue colorano “Auslander”, falsetti e vocalizzi commoventi (si fa per dire!) di Lindemann regalano ancora un pezzo travolgente e vincente anche per le discoteche!  La successiva “Sex” scorre relativamente tranquilla nello standard Rammstein, che il tema ha trattato già tanto spesso nel passato. Le atmosfere si fanno tenebrose, Lindemann parla, racconta e accenna addirittura una melodia nel malinconico arpeggio di base ma, fermi tutti! Il frontman tedesco si scatena e mena a pieni polmoni come mai prima, in un pezzo cadenzato e strutturato dalla batteria massiva. Era “Puppe”! L’astrusa e per questo seducente “Was ich liebe” ha un refrain epico, quasi solenne…tutti gli strumentisti compiono un lavoro egregio, dalle soluzioni raffinate. Non sembra vero ma c’è un attimo di quiete, è “Diamant”, gioiellino acustico per le peculiarità vocali  e teatrali di Lindemann. Quando parte “Weit weg” sembra di sentire i Deep Purple di “Perfect strangers”, ottimo lavoro di Lorenz ai synth e sorprendente (ma breve) intervento della chitarra solista. I riffoni e conseguenti ritornelli di “Tattoo” e la più malinconica, articolata e ben costruita e suonata “Hallomann” chiudono questa nuova opera dei Rammstein. Forse ci aspettavamo qualcosa di clamoroso, di destabilizzante, perché i Rammstein sono fondamentalmente questo… no, non ho trovato genialate ma il disco è bellissimo, progettato, suonato e prodotto ai massimi livelli, come il packaging, un fiammifero nella bianca purezza può accendere, distruggere e ricreare tutto, perché il fuoco ha creato i Rammstein!
Best tracks: “Deutschland”, “Zeigh dich”, “Auslander”, “Puppe, "Weit weg”. 8/10


RAMMSTEIN in tour:
Date in Italy: Torino, Stadio Olimpico, 13 july 2020.

ROGER HODGSON in tour:
Date in Italy: Alassio, Piazza Paccini, 27 august 2019.

IQ in tour:
Date in Italy: Roma, Crossroads, 11 october 2019, Novara (Fontaneto d'Agogna), 12 october 2019.

PENDRAGON in tour:
Date in Italy: Verona, Il giardino, 15 february 2020.

THOM YORKE in tour:
Date in Italy: Barolo (CN), 16 july 2019, Codroipo (UD), 17 july 2019, Ferrara, 18 july 2019, Perugia, 20 july 2019, Auditorium Cavea Roma, 21 july 2019.

TOOL will release the new album "Fear inoculum" on 30th august 2019.

IQ will release the new album "Resistance" on 27th september 2019.

THOM YORKE will releas the new album "Anima" on 19th july 2019.

The new electronic project NEULAND will release the new album "Neuland" on 25th october 2019.

LEPROUS will release the new album "Pitfalls" on 25th october 2019.

The film of "Us+Them tour" by ROGER WATERS will screen in theaters on start october ( 7, 8, 9 october in Italy).




 

Il progetto LR dovrebbe chiudersi con quest’ultimo capitolo della trilogia, ed il leader nonché polistrumentista John Mitchell è riuscito a farlo con una velocità ed una qualità disarmante se pensiamo ai suoi impegni con gli Arena e le innumerevoli collaborazioni in ambito Prog. Un breve intro strumentale introduce “Ancient ascendant”, rock catchy 100%. Interessantissima la successiva “Icarus”, dai supersynths anni ‘80… che si fa tanto cantare! “Under stars” invece richiama subito alla “Lea” dei Toto quando canta “We are..” con quel groovy sussurrato ed il guitar-solo alla Lukather. Ancora pop anni ’80 in “Authorship of our lives” ma neanche il buon solo chitarristico ne allenta la noia. L’effettata e lieve “The signal” funge da intermezzo per il rock stucchevole di “The only time…”. Molto più avvincente il prog di “When gravity fails” che evidenzia il basso di Steve Vantsis, il batterista Craig Blundell ed il bel lavoro tastieristico di Mitchell che però scade in un cantato ripetitivo e forzato. Nella successiva e melodica “How bright is the sun?” invece le vocals funzionano meglio, forse il pezzo più riuscito con ottimi interventi tastieristici e chitarristici. Mitchell è un chitarrista “coi fiocchi” e lo dimostra nella strumentale “Inside the machine”. “An ending” ci saluta sommessamente. A parte qualche buon pezzo, l’album non mi ha entusiasmato…forse davvero troppo frettoloso.
Best tracks: “Icarus”, “How bright is the sun?”, “Inside the machine”. 7/10


 

Il guru degli OZRIC TENTACLES debutta solista e si fa apprezzare per il suo talento chitarristico, probabilmente sottovalutato all’interno della band più concentrata all’impianto Space-Rock costruito principalmente dagli intrecci dei Synth. L’open track “Glass staircase” richiama inizialmente i Tangerine Dream ma pian piano Ed sciorina note e riff sulla chitarra elettrica senza però far decollare un pezzo compositivamente arido.  “Travel dust” invece ha un sapore fusion interessante, più sapiente ed originale l’uso delle tastiere ed anche l’apparato percussivo risulta più brillante.  “Oddplonk” è la più Ozric del disco con superlativi ricami chitarristici. L’intro subacqueo di “Shim” inganna quando Wynne impenna le sonorità in ambienti quasi jazzistici, sicuramente il pezzo più ispirato e coeso. Il finale è affidato a “Wherble”, la chitarra scompare quasi completamente per dar sfoggio alle sonorità tipiche dei Tentacles, intrecci tastieristici che però poco entusiasmano o sorprendono. Apprezzabile il tentativo di ED nel non ripetere un nuovo OZRIC TENTACLES, emerge il suo patrimonio chitarristico ma poco convincente nel risultato finale.
Best tracks: “Travel dust”, “Shim”. 7/10


 


Squallida uscita per aridità compositiva e stucchevolezza.
4/10













ANTIMATTER in tour:
Date tour in Italy:  Roma, Wishlist Club, 27 march 2019.

NICK MASON'S SAUCERFUL OF SECRETS in tour:
Date tour in Italy: Chieti, Arena La Civitella, 08 july 2019, Taormina, teatro Antico, 12 july 2019, Ravenna, Pala De Andrè, 14 july 2019, Roma, Auditorium Parco della Musica 16 july 2019, Perugia, Arena Santa Giuliana, 17 july 2019, Brescia, piazza della Loggia, 18 july 2019

ANATHEMA in tour:
Date tour in Italy: Roma, Ippodrome Capannelle, 23 june 2019, Trezzo sull'Adda (MI), Live Music Club, 24 june 2019


MARILLION in tour:
Date tour in Italy: Roma, Auditorium della Conciliazione, 12 december 2019, Padova, Gran Teatro Geox, 13 december 2019

RAMMSTEIN will release the new album "Rammstein" on 17th may 2019.

LEPROUS are in studio recording for the new album.

LEPROUS in tour:
Date tour in Italy: Parma, Campus Music, 18 november 2019.




Un po’ di tempo è trascorso da “Elements”, tanti concerti e tanto marketing…Einaudi è oggi un affermato, premiato e riconosciuto pianista nel mondo. Esce questo nuovo lavoro facente parte come primo di una collana articolata in 7 capitoli, 7 come i giorni della settimana. Ai svariati innesti strumentali nel sound degli ultimi suoi album Einaudi torna asciutto, asciuttissimo, minimal…si accompagna solo di violino, viola e cello. Il senso di solitudine e forte introspezione pervade ogni pezzo, a suo dire composto e ispirato da lunghe passeggiate tra le montagne innevate. Nulla di sorprendente, Einaudi è questo: ossessivo, ipnotico scrittore sonoro di malinconia ed inquietudine. Tutto questo avvinghia ogni pezzo di questo lavoro che sembra avvicinarsi alle Colonne Sonore, all’accompagnamento di immagini che crescono nell’immaginazione dell’ascoltatore, solo, tremendamente solo con un tempo a disposizione necessario per ascoltarlo tutto, per intero, perché così va ascoltato e apprezzato. “Gravity” sembra uscita dal Philip Glass di “Metamorphosis”, le tre parti di “Low mist” fanno il verso a “Time” di Hans Zimmer e la Var. 2 è un meraviglioso gioiello sonoro che rimanda all’intensità di “In un'altra vita”. “Matches” riporta al periodo sussurrato di “Ascolta”, “Golden butterflies” a quello “delle nuvole”, “Cold wind var.1” e “Fox tracks” alle contaminazioni degli ultimi lavori, “Ascent” insegue timidamente gli arpeggi e le fughe di “Divenire”. E’ un gran disco, probabilmente il più bello della sua lunga discografia, ispirato, ben costruito e così silenzioso da farsene avvolgere come fiocchi di neve che ci si adagiano nella nostra mente e soprattutto nel nostro cuore.
Best tracks: "Low mist var. 1 e 2", "Matches", "Cold wind". 8/10

 


La caparbietà e la passione di Mick Moss riesce a tenere ancora in vita il suo difficile progetto musicale e sembra crescere con un consistente e fedelissimo pubblico, seguace principalmente degli Anathema, perché Antimatter ne è la loro costola! Dall’iniziale elettronica dark dei primi album, il suono si è trasformato più acustico e asciutto ma resta sempre su territori gotici e melodici. La bellissima voce di Moss (dall’incredibile somiglianza timbrica a quella di Eddie Vedder) è qui al servizio di pezzi che si arricchiscono di strumenti sorprendenti: sassofoni, flauti e kamancha. La prima parte è più convenzionalmente dark: l’incedere di “The third arm”, la cadenzata “Wish I was here” e la cupa e cosmica ritmica di “This is not utopia” si avvale di tastiere floydiane alla “Welcome to the machine”. “Partners in crime” sembra partorita dalle reminiscenze dei Fields of Nephilim o dei Theatre of Tragedy ma anche dalle idee dark di John Carpenter. Con “Sanctification” si intraprendono nuove strade. E’ apprezzabile il ritmo sincopato a cui è ben avvolto il vocalizzo di Moss che esplode poi con l’intervento sassofonista. Le atmosfere si fanno mediorientaleggianti con l’inclusione del kamancha in “Existential”. C’è spazio per un bell’intervento acustico  ed intimistico in “What do you want me to do?”. Se il rock di “Beetween the atoms” può passare inosservato, diversamente vale per l’incedere di “Liquid light” che chiude l’album in un atmosfera spaziale. Certamente tra i lavori meglio riusciti ed ispirati di Moss che ha cercato di variegare e articolare la sua musica, ancora limitata dal suo cantato troppo monotono e da spunti strumentali piatti.
Best tracks: “This is not utopia”, “Sanctification”, “What do you want me to do?”. 7/10


ALAN PARSONS will release the new album "The secret" on 26th april 2019.

LUDOVICO EINAUDI will release the new album "Seven days walking - day one" on 15th march 2019.

LONELY ROBOT will release the new album "Under stars" on 26th april 2019.

ARCHIVE in tour:
Date tour in Italy: Bologna, Estragon, 2 december 2019, Roma, Auditorium, 3 december 2019, Milano, Alcatraz, 4 december 2019.

Il seguito di “The astonishing” arriva dopo 3 anni e si cambia registro: l’epicità del concept precedente è sostituita da sonorità più metal, le tastiere che predominavano nel precedente lasciano lo scettro alle sei corde di Petrucci. E’ un disco che richiama il periodo più diretto di “Octavarium” fino a “Black clouds...” ma  forgiato delle bellissime linee melodiche e armonie vocali degli ultimi lavori. L’open track “Untethered angel” ben riassume quanto detto, un pezzo tiratissimo e ben arrangiato in cui La Brie cuce e trascina un ottimo refrain. La successiva “Paralyzed”  passa inosservata per la sua scontatezza, non altrettanto per la splendida “Fall into the light” che poteva essere tra i pezzi di “The astonishing”. Bellissime linee melodiche con un Petrucci in cattedra: solo e rifiniture davvero emozionanti. “Barstool warrior” trasuda un tecnicismo iniziale che rimanda agli ELP fino a sbocciare su territori più melodici condotti prima dal piano di Rudess e poi ancora da un Petrucci superlativo. Ci pensa LaBrie a calare l'asso definitivo con un refrain sensazionale, a dir poco irresistibile. “Room 137” è più astrusa e drammatica, dalla ritmica forbita e sonorità effettate in cui ci sembra di ascoltare anche un chitarrismo “alla Satriani”. Un bellissimo giro di basso di Myung introduce “S2N”, un brano dalla ritmica avvincente, e qui i virtuosismi di Petrucci si sprecano! Si giunge a “At wit’s end”, per caratteristiche una falsariga dell’open track: un inizio tiratissimo prende binari più contemplativi, note lente, cadenzate e straordinariamente emozionali, arrangiamenti esemplari con un Petrucci ancora trascinante. Dopo un finale così non mi sarei certo aspettato un altro pezzo emozionale, invece la ballata “Out of reach” è da brividi. L’album si conclude con la prog “Pale blue dot” carica di virtuosismi e arrangiata alla “DT sound” 100% senza nulla aggiungere a quello che già si conosce. Insomma il disco poteva apparire ripetitivo e arido di soluzioni dopo una discografia ampia ed inarrestabile, no! Non è stato così, nessuna band così ipertecnica sa spingersi così efficacemente nel cuore.
Best tracks: “Fall into the light”, “Barstool warrior”, “At wit’s end”, “Out of reach”. 8/10

 

Lui è il Genio cosmico, l’Argonauta del suono, il Mozart dell’elettronica, il Magritte della musica, insomma un visionario per metà uomo e per metà extraterrestre che ci traghetta verso Universi astrali ed ancestrali con un Arte di cui sembra detenerne autorevolmente il trono di pioniere precursore massimo, se non altro per la sua indiscutibile capacità di aver saputo comunicare un genere così astruso ad un pubblico fin troppo numeroso (a differenza dell'altro guru Klaus Schulze). Jarre puntella ulteriormente la sua lunga discografia con il sequel della sua seconda opera di successo: “Equinoxe”. La prima, “Oxygene”, fu rielaborata solo due anni fa e fu un autentico capolavoro. Il settantenne musicista francese non è solo straordinariamente attivo ma anche ispiratissimo: i suoi 4 album negli ultimi medesimi anni rappresentano il meglio della sua intera opera. La sua maturità sembra incedere al totale beneficio e perfezionamento della sua Arte e  con “Equinoxe infinity” è possibile evidenziare anche la cura del packaging. La grafica propone due possibilità: i celebri “watchers”  sono replicati moai  dentro paesaggi solari ed eterei o dentro paesaggi alienanti, alienati da cyber-avvenimenti distruttivi. Due scelte trasversali dell’equinozio! La partenza di questo viaggio rivoluzionario è solenne, Jarre ci apre le porte, anzi pesanti e regali portoni, e possiamo iniziare a scorgere ed ammirare il paesaggio surreale di totem volanti in un tempo infinito. “Flying totems” è un po’ l’inno musicale del musicista francese che ci rimanda inquivocabilmente ai tempi di “Industrial Revolution”, un’accennata melodia trainante dentro una danza vorticosa di contrappunti metallici e sinusoidali. Con “Robots don’t cry” ci fa scorgere i particolari, il tempo si diluisce e rallenta sensibilmente, un mellotron avvolge l’atmosfera e violini sintetizzati e piangenti conducono questo passaggio di pura poesia nella quale improvvisamente piomba in un silenzio celebrato da gocce pianistiche immensamente calibrate. Ormai siamo dentro universi floydiani ed è il momento di staccare tutto e perdersi nel pezzo più seducente: “All that you leave behind”. Un ritmo blando ma preciso ci slega da tutto e fluttuiamo liberi da quello che è stato, nella sequenza strepitosa di 3 note cullanti. “If the wind could speak” è un breve e balbettante intermezzo che rimanda piacevolmente ai tempi di “Chronologie” ma è anche il corridoio ai rimandi danzerecci della produzione ’80, con tanto di rispolvero del Fairlight. “Infinity” è una giocosa parentesi funzionale. Il ritmo si fa palpitante ed i  vagiti robotici di “Machines are learning” ci catapultano ancora nel cuore di questo viaggio. “The opening” è un revival di suoni e melodia avvincente, un architettura perfetta di sequenze, che ci tiene ostaggi incantati. Si giunge al termine: prima “don’t look back” funge da reset mantrico e poi “Equinoxe infinity”, un ambient in cui riecheggiano suoni sinusoidali, liturgia di un andare e venire, apparire e scomparire nella magia infinita di un grande Jean Michel Jarre.
Best tracks: “Robots don’t cry”, “ All that you leave behind”, “The opening”. 8/10


DREAM THEATER in tour:
Date tour in Italy:  Villafranca di Verona, at Rock the Castle, 5 july 2019.

DREAM THEATER will release the new album "Distance over time" on 22th february 2019.

MUSE in tour:
Date tour in Italy:  Milano, at Stadio San Siro, 12/13 july 2019, Roma, Stadio Olimpico, 20 july 2019.




 


Il duo austrialiano ha dipinto in musica “paesaggi sonori di incommensurabile grandezza e solenne bellezza, tra percussioni africane, folk celtico, canti gregoriani, mantra mediorientali e art rock”. Veri innovatori di un genere da loro stessi creato, veri sperimentatori nella Musica contemporanea. Con queste premesse l’attesa di un nuovo lavoro diventa un Evento: l’attesa è durata 6 anni dal bellissimo “Anastasis”. Il talento di Brendan Perry e la voce straordinaria di Lisa Gerrard sono al servizio di un disco molto più arioso e solare del precedente, non c’è traccia di Gotico o Darkwave ma vera World Music. Un viaggio in due atti che abbraccia l’intero continente: dal Messico, a cui si riferisce la cover, agli indiani d’America, dal Medio Oriente alla tribalità dell’Africa Nera attraverso l’utilizzo anche dei più disparati strumenti (flauti corsi, fujara, gadulka, cornamuse, tamburi ancestrali…). L’assenza quasi totale delle chitarre di Perry (che si sbizzarrisce però con tante inclusioni di “nature recording”) non permette di accostare questo viaggio a molti dei lavori firmati dall’ultimo Mike Oldfield ma i luoghi e le vicende descritte sono le stesse. Ecco, forse manca di un effetto sorpresa, dell’idea compositiva geniale applicata al genere ormai conosciuto, risentito. Una loro esibizione "live" è però imperdibile, un Evento nell' Evento! A Milano, dunque.
Best tracks: “Act I” e “Act II”. 7/10
 


Al terzo anno scocca puntuale il nuovo album dei Muse. Anche questo potrebbe far pensare ad una robotica produzione dettata da esigenze discografiche (business) e non creative… ma rimane un dubbio per molte band, oramai.  Quel che è inoppugnabile è il potenziale ancora inespresso della band che gira intorno, album dopo album, per lasciare un sigillo musicale talvolta vicino (“Resistance”) ma mai davvero raggiunto. Io sono convinto che il limite resti circoscritto proprio dal suo pubblico (giovanissimo e aggiungerei troppo “popolare”) che “impone” il business a cui prima accennavo. E’ certamente apprezzabile il tentativo di Bellamy e Co. nel  dare sempre un tema musicale diverso ad ogni album partorito, ma ancora risultano esperimenti poco riusciti, inconclusi. Soprattutto con quest’ultimo “Simulation theory”, il suo sound, quasi new wave, mi risulta confuso tra pezzi che non sembrano avere coesione e direzione. L’apertura ben sintetizza la mia analisi. “Algorithm”  rappresenta al meglio le intenzioni del geniale Bellamy, che poi vanno disperdendosi nei “passaggi” successivi: ritmica cadenzata in un incedere ipnotico che alterna magistralmente i vocalizzi del leader inglese, la mescola di un “sound artefatto”(elettronico) e di un altro suonato potrebbe lasciar presagire ad interessanti sviluppi, potrebbe.  Invece con “The dark side” si è ricatapultati nell loro marchio di fabbrica,  di album basilari come “Absolution” e soprattutto “Black holes…”. Anche “Pressure” poteva essere in qualunque album precedente, ma senza farsi ricordare. “Propaganda”, invece,  sarà stata pescata nella discografia di Prince! Musicalmente contiene passaggi interessanti ma sostanzialmente preferisco ascoltarmi l’autore originale, se proprio devo! Anche “Break it to me” ha un idea di base stimolante, con ricerca sonora quasi industrial, ma non sembra poi coinvolgere troppo emotivamente. “Something human” mi annoia, e annoia. “Thought contagion” è sconcertante nel suo bieco proposito commerciale, da stadio. Di “Get up and fight” è davvero apprezzabile una ritmica inedita e bislacca ma subito cancellata da un refrain insostenibile, nella sua banalità!  La struttura di “Blockades” ha una bella base campionata, il pezzo tentenna a prendere una direzione che poi si trascina con un bel work di chitarra elettrica. “Dig down” è imbarazzante nella sua totale inutilità. Finalmente si chiude con l’ultimo dei 3 soli pezzi a superare appena i 4 minuti! “The void” è un bel finale, coinvolgente e affascinante nella sua costruzione. Il Sound qui è centrato e conduce mirato, forse era proprio questa la direzione giusta da rovistare. Spaziale elettronica al servizio di una voce a tratti poetica, sublime. Peccato, ancora una volta.
Best tracks: “Algorithm”, “Break it to me”, “The void”. 7/10


RiVERSIDE in tour:
Date tour in Italy: Roma, largo Venue, 16 march 2019.

TOTO in tour:
Date tour in Italy: Marostica, Piazza degli Scacchi, 03 july 2019, Roma, Auditorium Cavea, 04 july 2019, Lucca, Summer Festival, 05 july 2019.

TEAR FOR FEARS in tour:
Date tour in Italy: Milano, Forum Mediolanum, 23 february 2019, Padova, Kioene Arena, 24 february 2019, Roma, Auditorium Parco della Musica, 09 july 2019, Lucca, Summer Festival, 10 july 2019.

SMASHING PUMPKINS in tour:
Date tour in Italy: Firenze, Firenze Rocks, 13 june 2019.





 


L’inconfondibile voce e lo stile del frontman Billy Corgan hanno esploso e forse sopravvalutato il progetto musicale dei Smashing. All’interessante ritmica non si è mai troppo affiancato altro per sostenere musicalmente nel tempo il marchio della band. Dal deludente “Monuments to an Elegy” del 2014 i 4 tornano senza apportare migliorie o novità compositive e non sembra che la ricomposizione della band originale (con James Isha e D’arcy Wretzky) abbia apportato un contributo sostanziale in tal senso. Anzi, il recupero di vecchi elementi ha solo richiamato al Sound del passato: siamo lontani dunque dal capolavoro di “Mellon Collie..”, le divagazioni modernistiche ed elettroniche di “Machina I” o la “progressione” di “Oceania”. “Shiny” contiene bei pezzi puzzle della loro carriera ma senza sbalordire mai. Bell’inizio orchestrato e ritmico con “Knights of Malta”, e ancora con la “classic smashing” di “Silvery sometimes”. Dopo le inutili “Travels” e “Solara” ecco il pezzo più interessante, strutturato al piano e arricchito negli arrangiamenti da interventi orchestrali, “Alienation” è davvero bella. Il pezzo più sostenuto è “Marchin’ out” dopodichè ci si inabissa in un finale noioso e riscaldato…
Best tracks: “Alienation”, “Silvery sometimes”. 6/10

 

Un mio caro amico mi fece conoscere i Riverside nel  2006, quando la band aveva prodotto i primi 2 album, tutt’oggi i migliori della loro discografia. Oggi il mio amico non c’è più e neppure il chitarrista della formazione polacca spirato ad inizio 2016… è dunque il primo disco nel quale posso sentire una  mancanza estrema, feroce e desolante. La desolazione è l’atmosfera del concept di “Wasteland”: come sopravvivere al dolore? Con il dolore.  Piotr Grudzinski non è stato rimpiazzato ufficialmente come pure il mio amico Massimiliano, non è possibile. Dall’ultimo bucolico “Love, fear and the time machine” sono trascorsi solo 3 anni e poi c’è stata una bellissima raccolta di strumentali quasi ambient (“Eye of the soundscape”), ora però arriva la “prova del 9”…dimostrare se la band può andare avanti senza. L’inizio è dalla fine: “The day after”, una voce di Duda narrante e straziante che introduce “Acid rain”, tra i pezzi migliori. Musica Riverside 100%, riffoni, refrain/chorus avvincenti, inserti strumentali in cui sale in cattedra nel finale la chitarra di Maciej Meller, colui che si occuperà dei guitar solos dell’intero disco. Il single “Veil of tears” ricorda la zeppelliniana “Immigrant song” ed una struttura ritmica cara a Steve Wilson ma anche ai Dream Theater. La sommessa “Guardian Angel” è un dialogo tra piano e chitarra che accompagna la voce narrata di Duda. “Lament” sembra voglia alzare i toni e lo fa con una struttura compositiva interessante,  bellissimo violino nel finale come l'intera prova vocale di Duda. La successiva “The struggle for survival” è lo strumentale su cui fondono le migliori aspettative: parte bene con un super basso di Duda ma poi la chitarra non convince, facendo apparire il pezzo più una “jam session”. La ballata di “River down below” è davvero molto bella e rimanda al periodo d’oro dei primi 2 album: refrain avvincente e struggente con un super mellotron nel back e bel guitar-solo. “Wasteland” conduce ad un prog quasi vintage che si intreccia a riffoni alla Opeth. Il finale  è dedicato questa volta all’inizio : “The night before”. Un bellissimo lavoro pianistico di Lapaj che accompagna il lodevole e sorprendente cantato del leader della band Mariusz Duda. L’album non mi ha impressionato, non tanto per la qualità compositiva (ci sono parecchi spunti interessanti) ma proprio per una chitarra orfana e spezzata dal contesto, dal Riverside Sound. E’ troppo forte l’evidenza intrusiva di una chitarra (elettrica) ospite e comunque meno brillante per uno strumento portante nell’architettura (tecnica e compositiva) della loro musica. E poi la dinamica, poca dinamica, la batteria stessa sembra relegata ad un saltuario accompagno.
Best tracks: “Acid rain”, “River down below”, “The night before”. 7/10


DEAD CAN DANCE in tour:
Date tour in Italy:  Milano, at Teatro degli Arcimboldi, 26/27 may 2019.

DEAD CAN DANCE will release the new album "Dyonysus" on 02th november 2018.

ANTIMATTER  will release the new album "Black Market Enlightenment" on 09th november 2018.


 


L’intellettuale dell’elettronica, uno dei personaggi più enigmatici, astrusi e controversi del panorama musicale e non, il “musicista cosmico” ritorna con nuovo materiale dopo 5 anni dall’ottimo “Shadowlands”. “Ritorno” è un eufemismo perché la sua produzione è faraonica ed incessante, tra live, antologie e rarities…A festeggiare il suo 70esimo compleanno il guru dell’elettronica lavora su “Silhouettes” mirando all’austerità sonora ed effettistica, come lui stesso ci presenta: “una riduzione alle cose essenziali, nessuna grande distrazione, niente per forzare l’attenzione in una certa direzione, nessun effetto principale o espedienti, niente fronzoli o ritmi dominanti. Era importante per me dipingere le immagini nella profondità dello spazio, i campi sonori della tensione e dell’atmosfera “. L’iniziale titletrack ben sintetizza il concept nell’avvicendamento di lunghi pad e terminali aperture al moog ed ai loop che lo hanno reso celebre. Dipinge spazi cosmici come nessun’altro ed in questo è possibile contemplarne la bellezza nella successiva “Der lange blick zuruck”, in cui ermetiche melodie, come fossero dilatatissimi cambi di note, ne fanno avvertire la bellezza di quanto inizialmente rappresentato. Le atmosfere hanno un accenno drammatico nella generale sensazione di meraviglia e stupore. Anche qui con il passare dei minuti il pezzo incrementa e si rinvigorisce di accenni più ritmici e percussivi per poi ricongiungersi agli amati chorus. “Quae simplex” veste di texture familiari i mondi in cui siamo ormai immersi ed ipnotizzati. L’ultimo capitolo dell’album sembra volerci condurre nel soggiorno, aprire l’ultima porta di uno spazio da abbracciare, quello definitivo… ma si resta ancora sospesi e precari. Finisce così l’ennesimo viaggio cosmico proposto da Klaus, che  a differenza di Jarre non lascia alcuno spazio al respiro mondano e godereccio delle melodie e delle contaminazioni pop. Viaggiare con Klaus Schulze vuol dire immergersi totalmente nella dilatazione delle frequenze che ipnotizzano e contemplano la vastità della tavolozza di manopole che armeggia con ormai celebre maestria e  gusto. Non ho trovato nuovi spunti compositivi e sonori ma il disco bene sintetizza la raffinatezza della sua Opera intera.
Best tracks: “Silhouettes”, “Der lange blick zuruck”. 8/10


Dopo il capolavoro “Your wilderness” cosa partorirà ancora il genio di Bruce Soord? La risposta è abbastanza semplice: un superbatterista come Gavin Harrison in pianta stabile nella band. E lo spazio sembra prenderselo tutto lui, in effetti; anzi gli viene allestito dal geniale leader. A discapito delle melodie avvincenti e delle composizioni libere ed articolate degli album precedenti, si intuisce dai primi ascolti che qualcosa sia cambiato: le strutture vocali sono ora più cadenzate e le linee melodiche dettate da continui riff e parti ritmiche a sposare ed esaltare il drumming work.
Non a caso si parte con un pianoforte puntellato… e la sillabata (nonché sussurrata) “Not naming any names” apre bene il sipario. “Try as I might” cadenza perfettamente il drumming di Harrison sforzandosi di richiamare più possibile il Pineapple Sound tipico (ne è infatti un “single”!). A parte il bel guitar-solo finale non entusiasma particolarmente. Invece è la successiva “Threatening war” a far salire parecchio l’asticella: meraviglioso saliscendi ritmico in un ‘atmosfera trainata da un cantato superlativo di Soord e tutto il gusto del grande Gavin Harrison. “Uncovering your tracks” spiega bene come un pezzo poco originale nel repertorio TPT sembri volersi aiutare dal drumming anziché esserne impreziosito. La dinamica di “All that you’ve got” è davvero avvincente ed il pezzo è in pieno stile TPT, con interventi preziosi all’elettrica ed alle tastiere. Un bel pezzo melodioso e articolato come “Far below” non sfigurerebbe dentro “Into Wilderness”, ma per dire che nulla aggiunge se non un certo giro di accordi Wurlitzer dei Supertramp! L’intermezzo acustico di “Pillar of salt” introduce i due pezzi migliori dell’album, ed anche gli ultimi. “White mist” regala 11 minuti di atmosfere rarefatte, melodiche e malinconiche con innesti elettronici e percussivi di rara bellezza, qui Harrison dimostra davvero appieno il suo calibro. Se mancava lo special guest tanto amato da Soord, eccolo nel finale: è David Torn, il fantasioso ed attempato chitarrista calibra e colora ulteriormente la composizione di un sound graffiante. A chiudere c’è “Shed a light”, con una bellissima, memorabile e sussurata strofa che trascina il pezzo addirittura verso sentieri o sentori Porcupine Tree. E poi, che bello il lavoro chitarristico di Soord! L’album non regge il capolavoro precedente  nonostante l’apprezzabile tentativo di fare qualcosa di diverso, le idee sono rimaste confuse sul da farsi… nonostante qualche picco davvero riuscito. Sia bene inteso però: c’è bella Musica ma Soord ci stava abituando troppo, troppo bene.
Best tracks: “White mist”, “Shed a light”, “Threatening war”. 7/10


JEAN MICHEL JARRE will release the new album "Equinoxe infinity" on 16th november 2018.

PENDRAGON, IQ and RAMMSTEIN are in recording studio!


THE SMASHING PUMPKINS will release the new album "Shing and oh so bright, Vol.1" on 16th november 2018.

MUSE will release the new album "Simulation theory" on 9th november 2018.

NICK MASON'S A SAUCERFUL OF SECRET project in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Teatro Arcimboldi, 20 september 2018.

THE PINEAPPLE THIEF in tour:
Date tour in Italy: Roma, at Largo Venue, 22 february 2019, Milano, at Santeria Social Club, 23 february 2019.

RIVERSIDE will release the new album "Wasteland" on 28th september 2018.


 


Ad un solo anno di distanza da “Fractured” esce il nuovo album del progetto solista di Mariusz Duda. Si tratta di “avanzi” del precedente e le sonorità ne sono una vera continuazione. Tra ballate ed intermezzi acustici, divagazioni floydiane, segnalo l’elettronica  più melodica di “Trials” e quella più percussiva di “Shadows”. “Rinsing the night” sembra spuntare da un film western o un documentario di avvincenti safari. Molto interessante “The art of repairing”, in un crescendo ritmico sembra di rivivere le atmosfere oniriche (e di parsoniana memoria) di “Tales of Mystery…”. Il motivo ipnotico ed onirico di “He av en” è l’inizio ed anche il cuore dell’album, ripreso poi in “Under the fragmented sky”. Piacevole sentire, certamente, ma le composizioni non hanno nuovi nessi e non vi trovo neppure pezzi memorabili.
Best tracks: ”Trials”, “The art of repairing”, “He av en”. 7/10


 


Della mia adolescenza ricordo poche cose: si dice che il primo amore non si dimentica mai, il mio è stato per un uomo molto alto, magro, con i capelli di media lunghezza portati indietro, lunghi dietro la nuca , fino alla base del collo, gli arti lunghissimi si diramano da un busto normale, quasi piccolo ed aggobbito, le mani grandi ed un vistoso anello nell’anulare destro, e con i Ray-Ban sempre indossati, quasi che nelle rare occasioni in cui potevo scorgere i suoi enigmatici occhi celesti pietrificavo incantato. Poteva essere il suo aspetto così al limite del falotico ad impressionarmi, ma non fu un semplice colpo di fulmine, era amore (!), distante dalla futili e caduche attrazioni convenzionali. Nel 1987 il marchio Pink Floyd era la polpa di una diatriba convogliata nei Tribunali, li conobbi più approfonditamente in quel periodo e presi subito le difese per quell’uomo, descritto dispotico, megalomane, conflittuale, scorbutico, ossessivo, singolare e prodigioso, un perfezionista maniacale. Non poteva essere diversamente, era quello che cercavo per crescere come oggi sono! Iniziai dunque a drogarmi, di dischi, bootleg, notizie e rarità di ogni genere, riviste ed articoli ritagliati, viaggi con le sue musicassette…mi vestivo come lui ed anche le scarpe sportive bianche e slacciate erano una prerogativa per un ‘emulazione funzionale. Anche il 1992 lo ricordo bene: finalmente usciva il nuovo album “Amused to death”, era il 7 settembre, il giorno dopo il suo 49esimo compleanno. Ero il primo in fila alla Discoteca Laziale di Roma ed il CD (il mio primo CD) rimase adagiato e coccolato sul sedile passeggeri della mia piccola auto per tutto il tragitto di ritorno a casa, perchè allora i  lettori CD in auto erano rarissimi… Dopo quasi 10 anni finalmente Roger tornava sulle scene concertistiche, e solo nel 2002 lo vidi la prima volta dal vivo, a Milano, era il 10 maggio; in abito nero e Converse bianche, imponente, stupendo! Nel novembre del 2005 potei stringergli la mano e regalargli il testo di una mia canzone, eravamo fuori l’Auditorium di Roma.  Ogni possibile data italiana la presenziavo ma volevo regalarmi un viaggio/concerto all’estero per respirare un aria diversa, un atmosfera inglese! Quindi dopo un viaggio a Cambridge nel 2008 per “sentire” il profumo della sua casa, la sua infanzia ed i suoi esordi (tra le residenze, i luoghi ed i locali più disparati) volai alla Q2 Arena di Londra per il mio primo spettacolo di “The wall live”, era il 15 maggio del 2011. Tra queste date citate, tanti altri suoi concerti e tante siringhe di RW ad  alimentare al meglio la mia esistenza! Risparmio aneddoti curiosi (tipo l'inseguimento alla "commemorazione del padre" ad Aprilia il 18 febbraio 2014…) perché il discorso si fa ora serio:
Roger  ha oggi quasi 75 anni ma non è certo il tipo che si gode una pensione nella panchina di Central Park ad osservare scoiattoli o piccioni, la sua perseveranza e coerenza è inconfutabilmente dimostrata fino alla fine: ancora un lunghissimo tour di oltre 200 date, “US + THEM” tour, perché la sua linfa è ancora vivissima ed il suo messaggio perfettamente sincronizzato con la sua consapevole "mission"! Non è ufficiale, ma sarà probabilmente il suo ultimo tour e conseguentemente forse la mia ultima possibilità di vederlo “live”. Partecipo alla prima data indoor a Milano il 17 aprile 2018, salto quelle bolognesi, per “sferrare l’inverosimile” nelle 2 delle 3 uniche date outdoor del tour: Lucca l’11 luglio 2018  e Roma il 14 luglio 2018. Mi volge premura fare qualche (?!) considerazione sull’ultima tappa, quella romana.
Giungo nella maestosa ed incantevole location del Circo Massimo intorno le 16:30 e mi infilo nella folla per raggiungere le primissime file centrali (come a Lucca) ed inebriarmi di pazienza per RESIST all’attesa, nel caldo e nella folla che generalmente evito a priori. Alle puntualissime 21.30 lo SHOW can go on! Quando Lui calca il palco una vita che ci riguarda m’investe d’assalto ed ipnotizzato lo ascolto e lo intercetto con la mia Nikon sulla mano destra ed uno smartphone sulla mano sx, scatto, riprendo ed ascolto, ascolto l’immensità di una Musica senza tempo e guardo un uomo troppo umano per essere “solo” tale! Lo schermo del palco introduce una donna, da sola e di spalle, che per una ventina di minuti guarda il mare, nella sensazione di un attesa. “Speak to me” e “Breathe”, presentano il primo colpo: “One of these days”. Il basso di Roger in evidenza come le sue posture ed i suoi sguardi superimmortalati dai fotografi, arrangiamento del pezzo favoloso con Kilminster in grande spolvero. Con “Time” si entra nel clima “Dark side” ed il tempo sembra trapassare se stesso, fino alle urla bipolari delle Lucius che interpretano dolcemente il terrore e la paura in “Great gig…”, lo spettacolo visivo ha inizio davvero con la successiva “Welcome to the machine”. Uno dei pezzi più riusciti in questa versione live, immagini rielaborate e arrangiamenti  modernizzati con Roger impegnato sorprendentemente alla chitarra elettrica! Inizia la trilogia dei nuovi pezzi: la bella “Deja Vu” non mi ha particolarmente incantato live, meglio “The last refugee” e soprattutto “Picture that” che vede il mio beniamino scaldarsi politicamente e fisicamente, da un angolo all’altro del palco, con le sue gestualità, uniche. Si torna in clima “amarcord” con una bellissima e centratissima “Wish you were here”. La band è perfetta ed allenata. Con la minisuite di “Another brick…” si chiude alla grande la prima parte. Gli arrangiamenti presentano delle novità: è potentissima! Anche scenograficamente i ragazzini sul palco sono reinterpretatii diversamente dal “The wall tour”: incappucciati e sacrificati in tute arancioni, come prigionieri lasciano un messaggio chiaro: RESIST! Come suo solito, Roger non rende vano il tempo (mai!) di recupero tra la prima e la seconda parte ed intrattiene il pubblico con una serie lunghissima di messaggi politici attraverso il solo lungo schermo di oltre 60 metri. Gli avvertimenti ed i suggerimenti sono quelli che un vero fan di Roger ben conosce, e non risparmiano nessuno. Il cuore della scaletta sta per battere ora più che mai: clima sonoro allarmistico cala al Circo Massimo, 4 ciminiere fumanti della Battersea Power Station spuntano  e si elevano imponenti sopra il superschermo del palco. Gli accordi acustici di “Dogs” hanno inizio, il pezzo è maestoso e la band la esegue in modo magistrale e teatrale! Indosseranno maschere da porci e se la godranno, mentre Roger espone cartelloni che ci ravvedono sui “Porci che controllano e dominano il mondo” e che “devono essere mandati affanculo”! Neanche il tempo per ricomporsi gli occhi lucidi e parte “Pigs”, beh solo il lavoro finale di Kilminster alla chitarra elettrica vale il biglietto, mentre un enorme maiale gonfiabile sorvola i 40.000 presenti. Tocca al giro di basso di  “Money” scuotere le lacrime ed al fido sassofonista Ian Ritchie rubare la scena poi anche con “Us and them”, giocata sulle sussurrate note che Jon Carin impartisce al piano. “Smell the roses” è l’ultimo pezzo del nuovo album presentato live e raggiunge il picco massimo quando Roger si incatena  con le braccia sollevate sulla testa, la sua teatralità è sempre emozionante! La spettacolarità scenografica raggiunge altre vette con la chiusura, dedicata a “Brain damage” ed “Eclipse”: da 4 vertici posizionati davanti il palco partono raggi laser che disegnano un enorme prisma che si colora nelle ultime note, nonostante “tutto alla fine sia eclissato dalla luna”! Roger prende parola con il pubblico e presenta la band, ma è solo una scusa perché avrà molto altro da dire e lo farà con commozione vera: “Restate umani!” e “Partecipate alla vita politica perché qualcun altro non lo faccia al posto vostro per distruggere  o limitare la vostra vita e quelle delle generazioni future”, “Resistete!”… solo ora può partire il bonus per Roma che è “Mother”, e poi  la classica ed inesauribile “Comfortably numb” che vede nello schermo 2 mani avvicinarsi lentamente e stringersi sulle note strazianti ed avvincenti del solo di chitarra elettrica più bello e conosciuto al mondo, affidato sempre ad un David Kilminster superlativo. La passerella finale dei musicisti ed i ringraziamenti vedono un Roger visibilmente emozionato che batte il pugno sul cuore, rimandando l’uscita più volte come forse quella dalle scene, è questa la speranza mia e forse anche la sua. E se la donna sullo schermo ora la si vede abbracciare il suo bambino che attendeva dal mare, vuol dire che la speranza non può essere sempre un illusione.
Grazie immensamente Roger Waters.

Road to Lucca...
 



 

Da una costola  del vecchio sound di Marillion e Pendragon, la band inglese di Clive Nolan continua a mietere godibilissima Musica. Partiti oltre 20 anni fa con un Prog classico, hanno saputo rinnovarsi e trovare un punto d’incontro anche tra gli estimatori di un Rock più contemporaneo come gli attuali Asia e Threshold. Notevole è stato l’innesto alle vocals di Paul Manzi, che ha saputo imprimere maggiore empatia (soprattutto in studio) al freddo cantato di Rob Sowden, firmando i 3 ultimi album come tra i più riusciti della loro discografia. Il carattere più commerciale degli ultimissimi lavori viene ora ulteriormente rielaborato per convogliarlo come trade-union con il lavoro capolavoro datato 1998: “The visitor”. L’album fondamentalmente evidenzia la presenza di una lunga suite di oltre 20 minuti e l’assenza di importanti solos chitarristici di John Mitchell.
Si parte forte con “Zhivago wolf”: arpeggi fatati di Nolan, armonie vocali irresistibili e le corde elettriche che  tessono e ricamano ad arte le trame di un ‘epica apertura. La successiva “The mirror lies” è affidata invece ad un arpeggio chitarristico vincente, capace di trainare il pezzo (con il bellissimo cantato di Manzi) in una ballata vincente, e sono i tasti d’avorio di Nolan  qui a ricamare sortite epiche. La debole “Scars” si fa notare per l’unico solo di Mitchell, in grande evidenza. Il dialogo tra la frase di un organo e quella di un riff chitarristico fondono e fondano la successiva “Paradise of thieves”, arricchita anche di un refrain vincente. “Red eyes” è Arena 100%: composizione variegata e complessa (alla Yes)  tra organi solenni, drumming vivace, vocoder, arpeggio gilmouriano di sottofondo…La più pacata ed acustica “Poisoned” funziona da detonatore ed apripista alla lunga suite di “The legend of Elijad shade”divisa in 7 parti: i fasti dell’epiche “Sirens” o “Jericho” sembrano rivivere nella parte iniziale (“Veritas”), la parte seconda (I am here”) è una ballata eccezionale che vede ancora Manzi in grande spolvero come nella successiva (“Saevi manes”) potenziata da un gran lavoro dei tasti magici di Nolan, atmosferica è invece la quarta parte (“It lies”) con sopraffino lavoro di Mitchell alle corde elettrificate e puntuali risposte tastieristiche, i ritmi accelerano con “Tenebrae” che contene un bel motivo di Mitchell, “Omens” introduce con favolosi motivi beethoveniani la progressiva e finale “Redemption” che ci ricorda anche di un Mitchell apparso un po’ troppo illustre ospite. Ed è forse questo l’unico rammarico di uno splendido lavoro che poteva essere firmato solo Nolan e Manzi, considerando che anche il bassista storico Jowitt ha lasciato il posto a Kylan Amos.
Best tracks: “Zhivago wolf”, “The mirror lies”, “The legend of Elijad shade”. 8/10


La band norvegese giunge al suo quindicesimo anno di splendida attività proponendo un originale Rock progressive di chiara cultura nordica: attenzione alle melodie (melanconiche), arrangiamenti articolati e privi di solos, gusto classico per pianoforte e violino a trascinare il cantato del leader Jan Henrik Ohme.
Ancora un disco sussurrato e con continui saliscendi ritmici; ne è la prova l’iniziale “Soyuz one”: l’arpeggio ipnotico si intreccia alla voce sussurrata di Ohme e alla breve melodia pianistica fino ad esplodere con il chiaro e portentoso sostentamento della sezione ritmica…è un pezzo che acquista i giusti apprezzamenti dopo ripetuti ascolti. “Hypomania” sembra uscita dal cilindro di Thom Yorke dei Radiohead in studio con i Muse. I ritmi si placano e le note di piano e violino riprendono il tema (musicale) centrale con la splendida, breve  “Exit suite”, un affresco alla Monet musicista! La successiva “Emperor Bespoke” propone ritmiche più folkeggianti con la presenza timbrica di banjo, violino e piano che galoppano vicendevolmente rispettosi in un atmosfera dal sapore tipicamente scandinavo. “Sky burial” accenna uno spostamento ad Oriente ma gli archi dichiarano il pezzo più strettamente cinematografico, e le note ipnotiche del piano ne accentuano la drammaticità. “Fleeting things” è padroneggiata dai vocalizzi di Ohme ma resta comunque abbastanza anonima, nonostante i temi trattati siano nobili e complessi. I saliscendi ritmici e l’epicità melodica, come marchio di fabbrica della band, sono tutti compresi nella successiva e bellissima “Soyuz out”. Il gioco (sapientemente) intrecciato di archi, cori, batteria elettronica, ritmica potente e basso pulsante, samples e chitarre elettriche distorte rimandano a pezzi epici come “Dream of stone” o “Upside down”, ma se serviva l’effetto sorpresa, il finale, prima jazz e poi floydiano con tanto di mellotron d'annata, è servito! “Rappaccini” chiude brillantemente e melanconicamente un disco piacevole. Sicuramente il migliore dai tempi di Tik Tok (il mio preferito), l’unica pecca resta nella sostanziale incapacità della band di sperimentare ancora nel loro stesso e ben identificato stile che hanno saputo conquistare
Best tracks: “Soyuz one”, “Soyuz out”, “Rappaccini”. 7/10


Dopo 15 anni Billy Howerdel e Maynard Keenan alimentano il progetto APC con il terzo album. La magnifica voce dei Tool è espressa alla sua migliore performance. Sin dall’opener e omonima “Eat the elephant” è Maynard ad impressionare, intreccia vocalizzi sussurati e cangianti all’interno di un pezzo coinvolgente ed emozionale, dagli arrangiamenti sublimi, sempre puntellati dal pianoforte e dalla ritmica raffinatissima.  “Disillusioned” ha tutto di un grandioso hit-single, refrain vincente e cantato superlativo. Dopo l’anonima “The contrarian”, è la ritmica ed enigmatica “The doomed” ad ammaliare con i suoi saliscendi. Con “So long, and thanks…” si torna su una composizione più classica, in cui emerge un bel tema melodico arricchito da brillante apporto chitarristico.  “Talk talk” parla senza apici, cadenzata e scarna. “By and down the river” contiene l’unico vero guitar-solo. “Delicious” sembra qualcosa di rubato al grunge. Dopo il breve ed inutile intermezzo tastieristico di “DLB” si giunge ad uno dei pezzi più interessanti: “Hourglass”. Voce vocoderizzata in una ritmica rappata costruita sulla puntellatura ipnotica del piano. Un pezzo molto “Faith no more” e davvero riuscito! “Feathers” scorre senza clamori e lascia  lo scettro all’altro capolavoro dell’album: “Get the lead out”. Sembra di ascoltare i King Crimson che incontrano i Depeche Mode! “Eat the elephant” è un bellissimo lavoro, originale ed ispirato, come pochi ne escono nel mondo discografico commerciale e attuale.
Best tracks: “Eat the elephant”, “The doomed”, “Hourglass”. 8/10



ARENA will release the new album "Double vision" on 25th may 2018.

KLAUS SCHULZE will release the new album "Silhouettes" on 25th may 2018.


New album during 2018 by DREAM THEATER, THE SMASHING PUMPKINS, RICK WAKEMAN.


THE PINEAPPLE THIEF will release the new album "Dissolution" on 31th august 2018.

GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR in tour:
Date tour in Italy: Roma, at Villa Ada, 04 july 2018, Milano, at Circolo Magnolia, 05 july 2018.





Puntuale e irrefrenabile la nuova uscita che si aggiunge alla portentosa discografia del guitar-hero statunitense. Cambio di formazione che annucia il ritorno ad un Satriani più “classico”: Chad Smith alla batteria e Glenn Hughes al basso. L’introduttiva “Energy” ed “Headrush” sono up-tempi in cui emergono grandi “legati” nella prima e bella cavalcata al basso di Hughes e grande solo di Satch nella seconda. I pezzi più sperimentali e interstellari del precedente e bellissimo “Supernova” li troviamo in “Thunder high on the mountain” e “Righteous”. “Cherry blossoms” è tra i pezzi più convincenti e forte è il rimando al periodo “Surfing with…” con un’avvincente arpeggio in minore a trainare una composizione articolata e intimista. Il classico Satriani alla “The extremist” lo troviamo in “Smooth soul”, le “zone deboli” e scontate le troviamo in “Catbot” e “Looper” mentre meritevole è la title track “What happens next”, pezzo magistralmente pensato, costruito e suonato. Altro bel pezzo è “Super funky badass”, un funk psichedelico dall’esemplare groove in cui Satriani mantiene una costante sospensione fino a librarsi, saltuariamente, in passaggi quando melodiosi e quando misteriosi! A proposito di sperimentazioni e stranezze abbiamo una “Invisible” che è una magia di virtuosismi prima della chiusura dedicata all’ Hendrix Sound di “Forever and ever” in cui ci viene proposto anche un pulitissimo solo di rara bellezza. In questo vero collage del “Satriani Sound” è possibile apprezzare degnamente la sua abilità sia in termini di velocità che feeling, compiutezza d’intenti e pulizia del suono, all’interno di composizioni che non eccellono certo per originalità.
Best tracks: “Thunder high…”, “Cherry blossoms”, “Super funky badass”. 7/10
 


Il successore dell’ottimo “Helios/Erebus” arriva dopo 3 anni e la band irlandese sembra calibrare con sempre maggiore perizia l’esperienza accumulata nel campo in cui sono visti primeggiare da anni, il cosiddetto post-rock. Già l’iniziale “Epitaph” ci introduce nell’etereo ed ipnotico mondo dei GIAA, un pezzo strutturato su un’ inusuale sequenza al piano. Si fa ricordare. La successiva “Mortail coil” spinge sull’accelleratore tra vorticose distorsioni chitarristiche e base tastieristica, i cori finali firmano un bel pezzo. I ritmi scendono blandi e affascinanti con la melodiosa e struggente “Winter dusk/awakening”, potrebbe apparire scontata ma è concepita e arrangiata invece in modo impeccabile, basta “capire” la parte finale. Scontata può invece essere “Seance room” che viene subito dimenticata dalla stupenda “Komorebi”, poesia alla Sakamoto. Mondi stellari riecheggiano in “Medea” che invoca tutto “l’Astronaut sound”. Ancora il minimalismo pianistico ed elettrificato di “Oesin” chiude  l’album nel modo più azzeccato per indicare la via del nuovo corso della band. La band riprende il loro celebre “All is violent, all…” e lo nutre d’esperienza e musicalità... non era facile “reinventarsi” in uno stile limitato.
Best tracks. “Epitaph”, “Mortail coil”, “komorebi”. 8/10


Dopo poco meno di 2 anni dal poco convincente “These systems are falling” il polistrumentista newyorkese partorisce un album meno gridato del precedente ma ne mantiene le basi stilistiche.
Già l’opener “Mere Anarchy” rimanda ad atmosfere tirate e claustrofobiche, la voce sussurrata ed un potente tappeto synth la rendono convincente e coinvolgente. Suoi “cavalli di battaglia” sono l’innesto delle voci femminili tra il suo cantato (“The waste of suns”) o il suo rappato (“Like a motherless child”, molto bella). La noiosa e risentita “The last of goodbyes” precede “l’inutile” “The ceremony of innocence”. Dopo la stanca “The tired and the hurt” finalmente è la voce Apollo Jane a riaccendere le attese nel contesto di una musica rarefatta che corrisponde a “Welcome to hard times”. La noia di “The sorrow tree” lascia spazio alla piu convincente e vocoderizzata “Falling rain and light”. La risentita “The middle is gone” e la sterile “This wild darkness” preparano il finale di “A dark cloud is coming”. Solo qualche sporadica intuizione interessante in un quadro sonoro che conosciamo già bene di un Moby un po’ stanco.
Best tracks: “Mere Anarchy”, “Like a motherless child”, “Welcome to hard times”. 6/10


Accostati al Post-Rock di Mogway e God is an astronaut, la band tedesca possiede una ritmica ed una dinamica ben più portentosa ed importante. Dopo gli ultimi 2 album che sperimentavano l’inclusione  delle vocals (molto convincente l'ultimo "Trips"), i LDC calibrano il loro Sound su quello che era il loro marchio di fabbrica testimoniato dal bellissimo “Avoid the light” del 2009. Ritmiche che richiamano i Rush ed i Tool ed atmosfere floydiane e porcupiniane sono gli ingredienti che forniscono questo bellissimo Rock strumentale ed atmosferico. I tamburi aprono i battenti nell’opener “Out there” e quando si diramano vorticosi i giri chitarristici di David Jordan e Florian Funtmann si capisce subito che sarà difficile restare immobili o disattenti, e tantomeno indifferenti, all’ascolto che verrà. Le 2 chitarre dialogano armoniose ed innamorate al cadenzare travolgente di un drumming sempre protagonista. La sospensione con cui si conclude il pezzo serve all’attacco devastante di “Ascending”, altro capolavoro che ci catapulta in uno spazio che non ha il tempo di pensare perché riff ed arpeggi vorticosi inebriano all’unisono senza respiro. “In the clouds” sussurra una linea dark-melodica (che sembra richiamare i Fields of the Nephilim) ma subito sconvolta ed arricchita da riffoni, sampler e ritmica frenetica in uno spazio crepuscolare. Il disco prosegue su questi paradigmi, forme d’onda che si dilatano e poi si raccolgono in un mantra senza fine: vale per la più eterea ed ipnotica “Like a river”, la sabbathiana “The far inside”, la pianistica (si fa per dire!) e variegata “On the verge”, la lenta e dilatata “Weightless”, ed il sommario finale di “Skydivers”. Il loro lavoro più maturo e centrato; resta il dubbio dove sapranno portare questo genere senza ripetersi (utilizzano solo chitarre e sampler)… se sapranno evolverlo ulteriormente entreranno nell’Olimpo della Storia del Rock.
Best tracks: “Out there”, “Ascending”, “In the clouds”.  8/10



GOD IS AN ASTRONAUT in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Fabrique, 05 may 2018, Bologna, at Exagon, 06 may 2018, Roma, at Orion, 07 may 2018.


New album during 2018 by TOOL, ARENA, THE PINNEAPPLE THIEF, RIVERSIDE, MUSE.


LUNATIC SOUL will release the new album "Under the fragmented sky" on 25th may 2018.

GAZPACHO  will release the new album "Soyuz" on 17th may 2018.

GOD IS AN ASTRONAUT will release the new album "Epitaph" on 27th april 2018.

KINO will release the new album "Radio Voltaire" on 23th march 2018.

LONG DISTANCE CALLING will release the new album "Boundless" on 02th february 2018.




Sono trascorsi ben 12 anni da quell’ultimo capolavoro di John Payne a nome GPS, ultima testimonianza di inediti che lasciava presagire ad una continuazione artistica di livello dopo che la “sua” band lo avesse scaricato per ridare spazio allo sfortunata e originale ugula di John Wetton. Parlo degli Asia, band di riferimento negli anni ‘80 con un Rock Aor autorevole e poi negli anni ’90 con un Rock più Prog grazie all’input creativo del bassista e vocalist John Payne. Da un decennio si attendeva un lavoro nuovo, più volte annunciato e più volte confuso a quale firma dovesse uscire.
Si attendevano gli “ASIA featuring John Payne” ed invece Payne spiazza tutti con nome nuovo ma stessa band consolidata negli anni, in cui vi spicca il talentuoso tastierista Eric Norlander. Se alla batteria troviamo ancora il fido Jay Schellen, alle chitarre si alternano veri eroi dello strumento (come da sempre voluto nel contesto Asia): Guthrie Govan e Jeff Kollman su tutti. Il disco suona come un ottimo bilanciamento tra le composizioni melodiche degli Asia ed i tecnicismi degli indimenticati GPS. L’opener "Brother in arms" è affidata ad uno dei brani meglio riusciti del full-lenght, lunga cavalcata dalle bellissime armonie ed intrecci vocali e guizzi chitarristici che culminano proprio alla chiusura del pezzo. “Strange days” è il single scelto, vincente in tutto: linea melodica, refrain, superbo lavoro tastieristico che apre ad  un grandioso assolo di Govan. “Amor vincit omnia” sembra uscita dal cilindro degli Asia periodo Payne: cadenzata e solenne marcia che ritaglia intermezzi operistici e poi pianistici. Con “Time waits for no one” si torna su territori molto più melodici e accattivanti. “A sorrow’s crown” sembra promettere tanto ma non decolla mai abbastanza, nonostante il gran lavoro di Norlander. Molto più convincente la successiva “Fourth of July” dalla solida struttura ritmica ben accompagnata da archi e tastiere fino all’incedere davvero coinvolgente di un finale degno di quegli arrangiamenti virtuosistici mai pomposi  e mai scontati. Il secondo e melodioso single corrisponde a “Seasons will change” e ci introduce al capolavoro finale: “Give another reason”. Autentico gioiello del disco e dell’intero “repertorio Payniano”, il brano parte atmosferico per aprirsi prima ad un inedito cantato quasi rap e poi al refrain che diventerà il cavallo di battaglia dell’intero pezzo. Un ritornello che si fa cantare, sempre più forte e sempre più magnetico nei minuti successivi grazie alle ispiratissime note tastieristiche, arrangiate magistralmente con il lavoro acustico ed elettrico di Kollman. L’attesa non è stata vana, Payne firma un altro disco bellissimo. C’è grande Musica.
Best tracks: “Give another reason”, “Brother in arms”, “Strange days”. 8/10


Edgar Froese muore 3 anni fa ed il figlio Jerome, già in pianta stabile da diversi anni, ne eredita l’arduo compito di tenere in vita i pionieri della Musica Cosmica o Krautrock. 50 anni di Musica senza tempo, infinita discografia sempre più al servizio delle Soundtracks. “Quantum Gate” integra idee del defunto Edgar e prosegue un viaggio quantico! Ampi, lunghi e dilatati tuffi in mondi cosmici, catapultati nella "trance" di sequencer ed arpeggiatori. Questo racchiude l’opener “Sensing elements”, che ai suoni stellari aggiunge qualche essenzialissima sequenza di note per accennare una melodia da ricordare, sul fondo una chitarra elettrica ritmata cerca coesione nell’infinito schieramento di impulsi elettronici. Ormai ipnotizzati nel vorticoso mondo cosmico, “Roll the seven twice” propone già il colpo di grazia! Qui un moog “alla Klause Schulze” è richiamato a firmare il pezzo più vincente dell’album, non si può restare inerti neppure con il corpo! “Granular blankets” parte molto dark per poi librarsi nelle estensioni “alla Vangelis”. “It is time to leave…” riconduce su sentieri danzerecci, “trance-dance” dai suoni un po’ vintage. La successiva “Identity proven matrix” gira intorno un accennata melodia solenne. Siamo già persi nello spazio e “Non locality destination” ce lo ricorda nella sua scarna e sconclusionata struttura, ed echi chitarristici sembrano volerci fare da bussola. Finalmente una luce sembra aprirsi a noi, lentamente si avvicina e scorgiamo delle forme, ancora irrisolte, in “Proton bonfire”. Nel limbo delle incertezze, sospesi e ricatapultati negli abissi sonori che hanno reso celebri i Tangerine, “Tear down the grey skies” contiene quelle brevi melodie di suoni vellutati ed accarezzati. Il viaggio sta per concludersi e “Genesis of precious thoughts” lo fa ricollegandosi al principio nello stridulo accompagno degli archi, il ciclo non ha fine. E neppure i Tangerine Dream l’hanno. Bravi, ancora.
Best tracks: “Sensing elements”, “Roll the seven twice”, “Genesis of precious thoughts”. 7/10


ROGER WATERS in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Forum Mediolanum, 17/18 april 2018, Bologna, at Unipol Arena, 21/22/24/25 april 2018, Lucca, at Mura città, 11 july 2018, Roma, Circo Massimo, 14 july 2018.

TONY BANKS will release the new album "5" on 02th february 2018.

JOE SATRIANI will release the new album "What happens next" on 12th january 2018.

DUKES OF THE ORIENT is the new band featuring John Payne (ASIA...) and Eric Norlander and it's planned a new album on 28th february 2018.

RAY WILSON in tour:
Date tour in Italy: Nocera Umbra, 22 july 2018.

TOTO in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Forum Mediolanum, 10 march 2018, Bologna, at Unipol Arena, 23 march 2018.

STEVEN WILSON in tour:
Other date tour in Italy: Verona, at Teatro Romano, 25 june 2018, Nichelino (TO), at Palazzina di caccia Stupinigi, 26 june 2018.





C’era d'aspettarselo. La mente creativa, e spesso geniale, degli Anathema avrebbe partorito un proprio lavoro solista prima o poi… ed arriva puntuale, quando la sua band è entrata ormai nell’olimpo di un pubblico ben selezionato. Nessuna sorpresa neppure sul sound di questo album, riprende precisamente i parametri per cui gli Anathema hanno trovato il loro successo: ritmi pacati, note dilatate ed ipnotiche, melodie avvincenti. L’apertura è proprio questo: “The exorcist” è costruita sulle sole note di un  pianoforte e un cantato ritmato. Coinvolge, si. “This music” vede la partecipazione alle vocals della bella, brava e simpatica olandesina Anneke Van Giersbergen, il risultato è però un anonimo pezzo quasi “country”. Come del resto la successiva, monotona e noiosissima “Soho”. Bisogna attendere “The silent flight of the raven…” per ascoltare una composizione con una struttura e sonorità più interessanti, pianoforte più articolato ed elettronica puntellano in un crescendo evocativo, dai rimandi floydiani più psichedelici. La breve “Dawn” ha il suo perché, nel suo arpeggio chitarristico è inserito un bellissimo violino che firma un atmosfera molto Anathema. Cavanagh non può stare troppo tempo senza le paranoie melodiose e spesso sdolcinate e lentissime, quindi torniamo sui sentieri di “Soho” con “Oceans of Time”, e sempre accompagnato da Anneke, ovviamente. Il pianoforte di “Some dreams come true” chiude più o meno come l’album è iniziato. Mezzo flop per Daniel Cavanagh: album monotono, scontato e monocromatico, troppo. Avevo ben altre aspettative, forse.
Best tracks: "The exorcist", "The silent flight...", "Dawn". 6/10

Il progetto solista di Mariusz Duda dei Riverside avanza senza indugi, e questo quinto lavoro ne rivela un identità sempre più forte, coesa e centrata, ma mai particolarmente originale e caratterizzante. Coadiuvato solo dal batterista Wawrzyniec Dramowicz, il musicista polacco si cimenta un po’ su tutti gli strumenti (escludendo la chitarra elettrica, assente comunque totalmente dal sound) e sperimenta nuovi vocalizzi. La partenza è spaziale con “Blood on the tightrope”, dal groove irresistibile: giro di basso vincente in cui si inseriscono loop di sintetizzatori, ritmica in levare e poi le note di piano che magistralmente incollano un pezzo esemplare per costruzione. Le successive “Anymore” e “Crumbling teeth…” risultano meno ispirate e vano risulta l’inserimento degli archi nella seconda, il cantato resta troppo piatto ed incolore. Molto più interessante nel suo crescendo l’onirica “Red light escape” che contiene (nel finale) un bel sound tastieristico anni 80 comprensivo di sax! La title track “Fractured”  è un intreccio ipnotico di basso, cantato corale e mantrico,  e tappeto tastieristico di fondo. Da un arpeggio chitarristico si dimena l’incedere di uno dei pezzi più convincenti : “A thousand shards of heaven”. Orchestrato e magistralmente ritmato richiama ai Marillion per  la pulizia sonora, e le trame mai invadenti ma percepibili ed apprezzabili in ogni strumento interpellato. La successiva “Battlefield” ripropone una base più oscura,  elettronica e percussiva che fa affiorare ai primi lavori dei Riverside. Bel finale con la conclusiva “Moving on”, sviluppata in Depeche Mode style, anch’essa percussiva ed elettronica, con un bel refrain. Il disco è assolutamente gradevole e apprezzabile nella sua interezza ma ancora una volta sembra manchi qualcosa perché il progetto “Lunatic Soul” esploda ad un livello superiore. Manca la genialata, il cantato rimane ancora troppo anonimo e nessun pezzo è proprio irresistibile a differenza del precedente che conteneva vette superiori.
Best tracks: "Blood on the tightrope", "A thousand shards of heaven", "Moving on". 7/10
 


La band inglese torna dopo 3 anni dal convincente “For the journey” con la dipartita del bravissimo vocalist Damian Wilson e l'ulteriore ritorno di Glynn Morgan. Dagli stessi annunciato monumentale, non mi sembra un adeguata descrizione se non perché è stato compreso in 2 CD! L’album è sulla scia stilistica del precedente: i pezzi sono tirati, dinamici  e melodici, belli ma ormai troppo ripetitivi. Non basta il refrain killer di “Small dark lines”, la trascinante e più moderna “Trust the process” (con un bel lavoro tastieristico di Richard West), i brillanti arrangiamenti della melodiosa ballata di “The shire - part 2” (ma anche la part 3 al piano), il mix Threshold Style di “Subliminal freeways” (doppia cassa, riffone, refrain vincente, breve guitar-solo melodico) o l’ariosa ballata finale di “Swallowed” a far fare loro quel salto di qualità per accreditarlo come album capolavoro o quel decollo tra le band simbolo e dalla forte identità. Un rock che per quanto brillante e gradevolissimo resta spalmato in modo quasi anonimo nella vastità del suo genere.
Best tracks: "Small dark lines", "Trust the process", "Swallowed". 7/10



YES  will release the new live album "Topographic-Drama. Live across America"  on 24th november 2017.

HANS ZIMMER  will release the new live album "Live in Prague"  on 03th november 2017.



La Norvegia distribuisce da oltre un decennio le band più interessanti nel mondo del Prog ed i Leprous ne sono un'altra testimonianza. Questo quinto loro full-lenght è finalmente il loro punto di coesione più riuscito dopo i primi esperimenti più Metal-Prog (“Bilateral” ) e poi Prog (“Coal”). Se ne definisce un identità ed emerge la loro vera anima, che è poi quella del leader Einar Solberg, versatile e talentuosissimo vocalist  e keyboarder. Avvicendamenti nella sezione ritmica della band hanno sicuramente contribuito a rallentare il processo evolutivo, ora raggiunto. Con l’iniziale “Bonneville” si parte subito alla grande: una dinamica jazzata su cui è puntellato il mostruoso cantato di Solberg fino a dilatarsi sui toni epici e solenni di un organo da brividi sopra un sussurrato loop elettronico. La successiva “Stuck” è più chitarristica e contiene un refrain avvincente ma anche un finale orchestrato e la presenza del violoncello di Raphael Weinroth-Browne (novità nella line-up). Tocca al pezzo più catchy dell’album: “From the Flame”, ancora refrain trascinante e memorabile, un hit costruito ed interpretato magistralmente. “Captive” è un proseguio un po’ anonimo se non fosse per alcuni interessanti spunti ritmici, preparatori per la successiva “Illuminate”! Riff avvincenti e Solberg ancora in evidenza. Come del resto anche in “Leashes” il buon Einar sprigiona vocalizzi maestosi che trascinano l’epicità del pezzo. Con “Mirage” si giunge al vertice musicale: ritmo sincopato, riffate che si chiamano e si rispondono sopra l’incessante incedere di un  sempre discreto loop elettronico. Nel finale il basso erge  fino al sentore complessivo di Porcupine Tree. Si tirano i remi con l’atmosferica “Malina” (capolavoro di armonizzazioni) e poi la più baroccheggiante “Coma”. Un riff alla Rush introduce “The weight of disaster”, una condenza di quanto finora ascoltato con tanto spazio alle performances della sezione ritmica. Chiude  “The last milestone”, un neoclassico, lirico ed orchestrato finale che rende gli onori all’ugola di Solberg, vero mattatore dell’intero album. Brividi, davvero. Leprous non sono più un mix di Opeth, Pain of Salvation, Gazpacho, Muse, ma sono i Leprous, perché una voce come quella di Solberg è solo dei Leprous.
Best tracks: “Bonneville”, “Mirage”, “The last milestone”.  8/10



LEPROUS in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Magnolia, 13 november 2017.

ULVER in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Santeria Social Club, 22 november 2017, Roma, Quirinetta, 23 november 2017, Ravenna, at Almagia, 24 november 2017.




Da oltre 20 anni sulle scene, sempre in continua evoluzione. Il fondatore, geniale frontman Kristoffer Rygg ha traghettato la sua “creatura allupata” prima nel black metal, poi nel trip-hop (di “Perdition City”), attraversando l’ambient e l’avantgarde (di “Shadows of the sun”) e l’elettronica cosmica  e solenne (“Messe” e “ATGCLVLSSCAP”) fino ad un uso dell’elettronica più Pop, diciamo alla Depeche Mode, come in quest’ultimo “The assassination of Julius Caesar”, in cui i testi cominciano ad essere importanti e particolarmente coesi alla musica. Sono rimasto affascinato dal personaggio Rygg e folgorato dalla Musica proposta: mai banale e sempre dettagliatissima, ordinatissima. L’iniziale “Nemoralia” fa capire subito gli intenti dell’album: singolo che ha tutto per essere canticchiato e ballicchiato! Refrain e cori femminili ammiccanti. “Rolling Stone” ha una base quasi tribale, un elettronica percussiva che si contrappone al cantato, ancora corale con le voci più  soul di Rikke Normann e Sisi Sumbundu. Alla fine il pezzo “impazzisce” nelle distorsioni elettroniche e chitarristiche. L’atmosfera si fa più dark nel mid tempo di “So falls the world”: sembra di sentire Dave Gahan tra i sintetizzatori più puliti e le melodie pianistiche, ma improvvisamente la band norvegese si proietta e chiude nei sentieri cosmici di Jean Michel Jarre! Ancora un bel pezzo da potenziale hit-single ("Southern gothic") è proposto magistralmente da Rygg per introdurre quello più inquietante e siderale dell’intero platter: “Angelus novus”. Loop spaziale e refrain irresistibile ne fanno un piccolo gioiello. L’atmosfera si alleggerisce con la seguente “Transverberation”, anche troppo. Ci pensa “1969” a tornare su territori più astrali. Sembra di ascoltare i grandi M83: atmosfere dilatate e ben definite con un cantato molto “eighties”. A chiudere ci pensa “Coming home”, il pezzo più astruso e complesso. L’iniziale atmosfera onirica ed ipnotica prende poi una direzione più decisa ed occlusa di ogni “stramberia”, in cui anche il sassofono presenzia e firma magistralmente un vero Kraut-Rock d’annata. Direi un gran bel disco, ispirato, coeso e ben prodotto, e aggiungerei anche che gli ULVER sono tra le realtà più interessanti di una Musica che propone idee vere, evocative ed emozionali.
Best tracks: "Angelus novus", "Coming home", "So falls the world". 8/10



Nessun altro suo disco è stato tanto chiacchierato prima della sua uscita come questo “To the bone”. Il guru dell’attuale scena Prog probabilmente se lo aspettava, come qualunque Artista veramente libero di esprimersi senza condizionamenti di quelle etichette che servono solo a chi necessita di comode (e spesso proficue) strutture identificative. “Wilson scende alla Pop Music”: chi ha stabilito la Pop Music rappresenti una discesa qualitativa? Chi ha stabilito che Wilson debba creare necessariamente una Musica circoscritta in uno stile conclamato? Domande a cui è pleonastico rispondere. Il suo primo lavoro solista “Insurgentes” fu, per stessa ammissione/dichiarazione di Wilson, un collage delle sue influenze musicali (che spaziavano dai Gong e Brian Eno, attraverso King Crimson e Pink Floyd, fino all’elettronica dei Kraftwerk al Pop di Tears for Fears, Peter Gabriel, XTC, Talk Talk…). Oggi, dopo altri 3 album in cui ha sviscerato ed evoluto il Prog fino al capolavoro di “Hand. Cannot. Erase”, ripropone quell’esordio, ma in modo più evoluto o, forse meglio, più accurato. I testi sono “social oriented” ed i temi molto attuali (fake news, manipolazione delle informazioni, terrorismo, immigrati…). “To the bone” parte come fosse Porcupine Tree di “In absentia” ma è solo un accenno destinato a sfociare subito in quella che è la direzione complessiva dell’album: melodie e ritmiche vincenti. Armonica e chitarra elettrica di Steve in evidenza, ma è il refrain etereo del cantato nella parte finale a far decollare il pezzo. La successiva “Nowhere now” sembra uscita dai “suoi” Blackfield, Popsong che si fa ricordare. Il duetto di “Pariah” sembra ispirata a quella meravigliosa “In your eyes” di Peter Gabriel con Kate Bush? Si, tanto  e bene. Ninet Tayeb risponde per le rime a Steven: pezzo intenso, da brividi, costruito magistralmente. Poi gli “Yes di Trevor Rabin” si percepiscono con la successiva “The same asylum as before”, irresistibile refrain e bel lavoro ancora di Steven alle sei corde. Tocca a “Refuge” convincere definitivamente sul valore di questo nuovo album: inizio ipnotico e struggente che scatena poi tutta l’arte compositiva di Wilson. Nell’incedere ritmico supportato da base campionata, si sprigionano all’unisono i cori, e l’armonica di Mark Felthame fino alla chitarra dilatatatissima e lacerante di Paul Stacey, nuovo ospite dei fidati del nostro guru. Ma serviva qualcosa  di più: ecco allora la solennità “dietro le quinte” di un organo gigantesco che supportasse questi minuti spaziali o, forse meglio, astrali! “4 note” al piano a chiudere questo capolavoro che lascia fluttuanti ed incantati. Ecco la discussa “Permanating”, vera disco song che fa il verso ad ELO (o se preferite Beatles) ed Abba, bel falsetto danzereccio anni 70. Il successivo  e gradevole intermezzo vocale assieme a Ninet introduce la più accesa e rockeggiante “People who eat darkness”, qui vi sento riecheggiare i Porcupine Tree di “Fear of  a blank planet”. Spudoratamente Prince è richiamato nella successiva “Song of I”, bel lavoro orchestrale in un atmosfera crepuscolare. Per accontentare (si fa per dire) i fans dei “long minutes” c’è anche il pezzo Prog che fa ancora l’occhietto  a “Fear of  a blank planet”, soprattutto con le chitarre. Nella seconda metà, spazio alle performances soliste in cui evidenzio l’irresistibile basso di Robin Mullarkey  ed il solo di David Kollar, altro “Lucky guest” dell’album. I membri collaudati della sua band, Craig Blundell e Adam Holzman (ancora superbo in tutto l’album), coadiuvano Steven Wilson da soli, nell’ultima traccia, che ha nel suo lento e  malinconico incedere chiare reminiscenze dei Porcupine Tree, magari del periodo più “easy” di “Stupid dream”. Non credo voglia essere un segnale per una reunion della gloriosa band perché Steven Wilson è ormai un artista solista consacratosi meritatamente attraverso una lunga “gavetta” fatta di passione, determinazione e gigantesco talento. I suoi molteplici lavori ad altro nome (Blackfield, No man, Bass Communion…) e le sue collaborazioni più disparate testimoniano l’anima musicale, inquieta e brillante di un Artista libero di spaziare dove vuole nella Musica di qualità, e questo suo collage (o collection!) di songs ne rende ancora alta testimonianza, senza aggrovigliarsi in stupide comparazioni. Non è certo un capolavoro (nessuna genialata) ma un disco pop-rock gradevolissimo realizzato ai massimi livelli. Tanto onore.
Best tracks: “Pariah”, “Refuge”, “Detonation”. 7/10

STEVEN WILSON in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Teatro degli Arcimboldi, 09 february 2018, Roma, Atlantico, 10 february 2018.


ANTIMATTER in tour:
Date tour in Italy: Roma, at Wishlist Club, 06 october 2017.


DAVID CAVANAGH (ANATHEMA)  will release the debut solo album "Monochrome"  on 13th ostober 2017.

ROBERT PLANT will release the new album "Carry fire" on 13th october 2017.






Il gothic rock dei celebri (nel settore) Fields of the Nephilim "rinasce modellato" con l' introduzione di più voci femminili nelle sonorità decadenti, dilatate ma sempre melodiche come nuovo apparato stilistico del progetto del bassista Tony Pettitt, giunto al quarto album. Ora sembra di sentire gli ultimi Theatre of Tragedy. Echi mediorientali sono spesso avvertibili dalla presenza del violino di Bob Loveday. Come per il precedente e fortunato “Half life”, special guest come Lee Douglas (Anathema) presenziano le registrazioni. Nel complesso trovo l’album meno ispirato del precedente ma rimane anch’esso un buon documento della loro musica proposta. Cito l’introduttiva “Verdades” in cui vi echeggiano atmosfere orientali nel cantato spagnoleggiante! Le linee facili, melodiche e malinconiche di “Misery”. “12th night”  sembra uscita dal cappello dei memorabili Fields: chitarre dilatate e mantriche con irresistibile refrain. La popeggiante “Ours again” e la ballata darkeggiante di “Let me in”. La crepuscolare ma potentissima “Words and deeds”, tra i loro pezzi più ispirati dell’intero catalogo.
Best tracks: “12th night”, “Words and deeds”. 7/10




THE PINNEAPPLE THIEF  will release the new live album "Where we stood - The concert film"  on 08th september 2017.

LUNATIC SOUL  will release the new album "Fractured"  on 06th ostober 2017.

DAVID GILMOUR will release the new live album "Live at Pompeii" on 29th september 2017.




Il ritorno nel 2014 di Christine McVie per alcune date live con i Fleetwood Mac ha permesso di preparare questo disco con il chitarrista della band Lindsey Buckingham. Una serie di prove ed intrecci (nel disco vi suonano anche gli altri membri dei Fleetwood Mac ad eccezione di Stevie Nicks) che culmineranno nel 2018 in un nuovo  e probabilmente definitivo tour mondiale della gloriosa band statunitense. Le sonorità nel disco non si discostano da quelle in cui la band ci ha abituati, e tra alti e bassi l’album risulta davvero godibile. Segnalo l’incedere di “In my world” in cui emerge tutta la genialità del chitarrista Buckingham, con tanto di avvincente ritornello. “Red sun” è la classica ballata Fleetwood, la pacata “Game of pretend” è firmata da un ‘ispiratissima Mcvie, articolata al piano e arricchita da preziosi cori. “Carnival begin” fa il verso a quella gemma che fu “I’m so afraid”: Mcvie alla voce e band al completo in grande spolvero, con tanto di guitar-solo finale del sempre mitico Buckingham. Pezzo bellissimo, a chiudere un disco certamente non sconvolgente ma decisamente onesto per  quello che la band statunitense ha regalato al Pop-Rock, tanto.
Best tracks: “In my world”, “Carnival begin”. 7/10
 


THRESHOLD will release the new album "Lost in translation" on 08th september 2017

ROGER HODGSON in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Scalo Milano Shopping Village, 16 july 2017.




Gli Anathema anellano un tris di capolavori tra il 2003 ed il 2012, trovando la giusta formula stilistica  e compositiva. Dopodiché commettono il grave errore di pensare che la stessa debba essere vincente all’infinito. Le perplessità di “Distant Satellites” vengono infatti confermate ed evidenziate da quest’ultimo “The optimist”, che di ottimista dovrebbe avere davvero poco! La band continua a proporre i pezzi con la stessa formula: rock melodico contenente in apertura il pezzo veloce alla “Thin air”, la ballata stucchevole andante alla “Dreaming light”, lo pseudo prog alla “The storm before the calm”, l’elettronica di “Closer”… album con la stessa struttura. Le intenzioni conclamate dei protagonisti lo vogliono come sequel più dark di “A fine day to exit” ma il risultato non ne mantiene la linfa creativa e la purezza compositiva. I pezzi sono piacevoli, sia chiaro, ma nulla aggiunge e nulla entusiasma nel contesto della loro già ricca e bella discografia. La noia del single “Springfield”, di “Ghosts”, di “Wildfires”, è attutita da “Endless ways” in cui vi spicca la bella voce di Lee Douglas,  il crescendo ipnotico (“marchio di fabbrica”) della title track “The optimist” e della più effettistica “San Francisco”. Ci sono anche pezzi più tirati che rimandano all’indie di Interpol o anche ai Radiohead, soprattutto per l’utilizzo della batteria: “Leaving it behind” e “Can’t let go”. Interessante la seconda metà un po jazzata della sussurata “Close you eyes”. L’album è chiuso giustamente dalla melodica quanto scontata “Back to the stars”, sintesi cruda e crudele di quanto finora esposto.
Best tracks: "Endless ways", "San Francisco", "The optimist". 7/10


Nel corso di questi 25 anni di attesa dall’ultimo album in studio, Roger dichiarò più volte che aveva diverso materiale pronto per essere registrato e farne un nuovo disco: lo fece addirittura dopo l’uscita di “Amused to death”, poco prima e dopo l’opera “Ca ira”, e durante l’ultimo megatour di “The wall”. La sensazione era quella che in realtà avesse difficoltà a dare un senso ai pezzi, perché uscisse con un concept che lo convincesse appieno. D’altronde si parla di un artista che in soli 6 anni, tra il 1973 ed il 1979, aveva partorito 4 autentici capolavori con i Pink Floyd.
Nel suo processo evolutivo (non solo musicale, ma umano) Roger Waters sorprende ancora, a 73 anni suonati è capace ancora di rinnovarsi e di rimettersi in discussione. Dichiarò negli ultimi tempi che il suo lavoro era quasi completato, come radiogramma in cui un vecchio irlandese portava in giro per il mondo il nipote cercando delle risposte a domande fondamentali. Questo radiogramma invece divenne solo la demo per quello che sarà il produttore di quest’ultimo album: Nigel Godrich. Non è mai stato un segreto l'apprezzamento di Rog per “Ok computer” dei Radiohead ed insieme al suo nuovo e giovane direttore artistico, Sean Evans, contattò il loro storico produttore (un vero “Deus ex machina”) prima per il mixaggio di “The wall-live” ed ora per la produzione di questo “Is this the life we really want?”. Immaginare Roger Waters farsi guidare nella scelta dei pezzi, dei musicisti, negli arrangiamenti…è già clamoroso, ma intelligentemente capì che l’album doveva uscire con un suono più contemporaneo, diverso ancora da tutto quello che aveva già fatto. Pezzi relativamente brevi, nessun assolo di chitarra, niente di roboante, niente di palesemente, dico palesemente, floydiano (in realtà c'è una miscela di accenni all'intera storia floydiana). Ci sono tutte le minuzie watersiane invece: voci radiofoniche, urla, gorgheggi, vetri frantumati, allarmi, gabbiani e gli incessanti ed inesorabili ticchettii dell’orologio, del tempo che passa e scandisce… il bel “timing sussurrato” del nuovo batterista Joey Waronker. I musicisti del megatour di “The wall” sono stati tutti sostituiti da quelli nuovi della scena statunitense, fidi di Godrich: Jonathan Wilson (chitarre), Gus Seyffert (basso), il duo Lucius (cori) e soprattutto Roger Manning e Lee Pardini (alle tastiere) che si riveleranno nevralgici nel suono dell’intero album. Sono le tastiere a svolgere ruolo predominante e fondamentale nell’articolazione dei pezzi, il piano scandisce e puntella i testi bellissimi e, come sempre, angosciati ed irriverenti di Waters. E’ un Waters meno prolisso e più immediato e la cover dell’album spiega bene questo: l’intenzione è quella di imparare a leggere tra le righe, a cogliere l’essenziale. Cos’ è essenziale? Il tema sociale e  politico è concentrato ora sulla Paura, la Paura che divide e ci rende muti, piccoli ed “insignificanti”  come formiche di fronte ad una vita “ingiusta”. La domanda che apre l’album è appunto: “Perché i bambini vengono uccisi?”. “When we were young” è il breve intro ripetuto da una voce occlusa e che poi si definisce, si coglie quella “Speak to me” che apriva “The dark side…”…i riferimenti ai Floyd ci sono su tutti i pezzi, brevi accenni con un intento che si svelerà! Nella successiva “Deja vu” Roger si immagina Dio, cosa avrebbe potuto fare di meglio se questi uomini vanno per autodistruggersii…”se fossi un drone avrei paura di trovare qualcuno a  casa, forse una donna in cucina, che cuoce il pane, prepara il riso o semplicemente bolle alcune ossa”, mentre i banchieri ingrassano, mentre il Tempio è in rovina. Musicalmente il pezzo è una ballad intimista: voce, chitarra, piano e archi (bellissimi quando questi “decollano con il drone”). Forte richiamo a “Mother” ma anche alle sonorità tipiche dell’intero “The final cut”. Il ritmo ipnotico e struggente di “The last refugee” è già punta di vertice nell’album. Il corpicino senza vita del piccolo Alan Kurdi, riverso su una spiaggia turca, è l’ispirazione sul tema dei migranti. Il sogno di una donna che dice “addio” al figlio mentre dà un ultimo sguardo al mare. La voce di Waters è emozionante, il piano accompagna, ma il levarsi finale degli archi che sembrano ondeggiare sono la perla sensazionale del pezzo, che termina tra i sibili dei gabbiani. La tensione cresce e le sonorità si fanno anche più rock con “Picture that”, song di denuncia sugli orrori contemporanei: “i danni dei social network con i suoi followers e la smania di filmare qualunque cosa”, “leader politici senza cervello”… Forte il richiamo alle sonorità di “Animals”, le tastiere spaziano ariose nel ritmo incessante e claustrofobico, spazio anche per i cori tanto cari a Roger, e le rullate finali di Mason, ehm, Waronker! Suoni tribali introducono “Broken bones”, altra ballad per voce, chitarra acustica ed archi in cui si inseriscono le urla watersiane, quelle rabbiose ed insanguinate. Roger canta alle nuove generazioni di gettare quello che i loro padri hanno costruito, perché la Seconda Guerra Mondiale non sembra sia servita, perché l’Umanità non sa essere libera e con le ossa ancora rotte  “Non possiamo portare indietro l’orologio, non possiamo tornare indietro nel tempo, ma possiamo dire: vaffanculo, non ascolteremo le vostre stronzate e menzogne”. In quest’ atmosfera di denuncia e protesta, può iniziare il vertice lirico e musicale dell’album: prima con “Is this the life we really want?” e poi con “A bird in a gale”. La prima è una poesia musicata all’interno di un ritmo ipnotico e drammatico, puntellato meravigliosamente al piano ed inserimenti straordinari degli archi, il parlato di Roger diventa sempre più straziante e magnetico. Le note elettriche della chitarra strimpellata in modo ossessivo e delicato rimandano tanto ai Radiohead, tanto. La paura è il tema del pezzo: quella paura che ci tiene tutti in linea, fermi e muti come formiche: le formiche ora si aggiungono tra cani, maiali, pecore…quelli di orwelliana memoria! “L’oca è grassa” ma “la paura spinge i mulini dell’uomo moderno…la paura di tutti quegli stranieri, la paura dei loro crimini”, e “ogni volta che un imbecille diventa presidente, uno studente viene investito da un carro armato, un giornalista imprigionato, ogni volta che qualcuno muore per raggiungere le chiavi…”, è colpa delle formiche che siamo, “incapaci di distinguere il dolore che altri provano, per esempio, nel tagliare le foglie…e storditi dai reality”. “E’ perché siamo tutti in piedi, silenziosi ed indifferenti”. Il secondo pezzo canta echi di possibile fuga ma un destino avverso non è neutralizzabile. Siamo uccelli in una gabbia e fuori “Il cane gratta alla porta, il bambino annega in mare, posso addormentarmi sul pavimento?, nella storia c’è posto per me?”. Musicalmente il pezzo più sinistro, astruso dell’intero album: le note del piano dettano l’allarme, il cantato sembra deviato come le sonorità distorte all’interno di un atmosfera straziante, clustrofobica. Neanche gli echi di campane redimono nell’incessante ticchettio di una macchina agghiacciante: sembra quella di “Welcome to the machine”! Il clima si addolcisce con la successiva e bellissima “The most beautiful girl in the world”, già alle prime note al piano tanti brividi sulla condizione della donna, cosi’ delicata ed ambigua. Un pezzo che potrebbe stare benissimo in “Amused to death”, piano, archi e cori femminili nel finale. “Smell the roses” è il primo single, l’unico pezzo effettivamente subito etichettabile ed a forte richiamo floydiano, con il suo giro alla “Have a cigar”… ma c’è spazio anche ai cani e ad un brevissimo  accenno chitarristico stridente, alla Gilmour ecco! Dopo tanta Compassione e Colpa è il momento di cercare Soluzioni e la soluzione è l’Amore. Non in senso pleonastico e popolare ma “È un viaggio che parla della natura trascendentale dell’amore. Di come l’amore ci può aiutare a passare dalle nostre attuali difficoltà a un mondo in cui tutti possiamo vivere un po’ meglio”, e ancora “L’amore, se siamo abbastanza fortunati ad essere esposti ed abbastanza coraggiosi da abbracciarlo, ci può trascendere dal mondano al sublime” ci spiega Roger Waters. Gli ultimi 3 pezzi sono in realtà collegati, è una suite ma non lo risulta formalmente (altra piccola novità). La sublime cantilena di “Wait for her” è giocata su un breve e ripetuto giro di accordi al piano, “raccontata” in un atmosfera rarefatta e garbata accompagnata dall’acustica e dai gabbiani in sottofondo, con un refrain irresistibile e solenne. Aspettare una donna e prendere coscienza dell’importanza del suo amore, saperlo riconoscere, perché a lei sono riservate le speranze di un mondo migliore. “Oceans apart” è il brano di raccordo con la voce più "nasale" di Roger e “Part of me died” chiude più “convinto” le speranze di “Wait for her”. Questo disco si chiude così, nell’emozione di conoscere la potenza che suscita e trasmette  la vita ed il valore di un uomo, di un artista superiore: Roger Waters. Il Waters di “Siamo tutti cani rognosi meritevoli dell’estinzione” è lo stesso che dice “Solo l’amore può salvarci”, forse niente di illuminante, ma l’uomo Waters è quello che  a quasi 74 anni supera la sua fama,  e lotta ancora in prima persona contro tutti i folli Poteri che hanno fatto diventare la morte di suo padre la morte di tutti i deboli e gli innocenti. Roger non ha regalato un altro bel disco Rock dalle schitarrate che si fanno ricordare, ma un piccolo, diverso gioiello musicale in cui prevale delicata la coesione dei tanti dettagli che si fanno apprezzare solo meglio in cuffia. Godrich questo lo ha capito fin da principio ed ha saputo valorizzarlo e realizzarlo al meglio.
Best tracks: "The last refugee", "Is this the life we really want?", "A bird in a gale". 8/10
 


Il Guru olandese Arjen Lucassen partorisce l’ennesimo concept album con le sue amate radici fantascientifiche. Mondi, scenari  e personaggi fantascientifici sono il timbro del suo progetto Ayreon da oltre 20 anni e, nell’astrusità e complessità della sua musica, il simpatico polistrumentista ha saputo ritagliarsi coerentemente e devoziosamente il suo pubblico affezionato. Ancora una volta cattura in sala di registrazione molti cantanti noti (vi spicca ancora James LaBrie) per l’interpretazione dei diversi personaggi che si avvicendano nella sua fantastoria, ma questa volta anche autentici guitar-heroes come Guthrie Govan e Paul Gilbert e special guest come Mark Kelly dei Marillion. L’album abbandona le sonorità più prog ed elettroniche di “The theory of everything” o del suo solista “Lost in the new real” e si reimmerge nelle atmosfere pompose, folkeggianti ed anche metal, molto metal. L’album è lunghissimo ed articolato in doppio CD, e come sempre packaging curatissimo. La prima traccia “The day that world…” ne sintetizza bene l’intero album: riff portentosi ed avvincenti, bel solo di Mark Kelly e poi spazio a quello chitarristico. La successiva “Sea of machines” ha una struttura più folk evidenziata dal violino di Ben Mathot ma poi si snoda su un arpeggio di chitarra davvero trascinante, ripreso poi in “The human compulsion”. “Everybody dies” Ayreon 100%. “Star of Sirrah” epica ed articolatissima, con bel guitar solo. Il folk di “All that was” cavalcato dalle due vocalist femminili. Tra i pezzi più tirati c’è la successiva “Run apocalypse run!”, che contiene un bel keyborad solo. La conclusione del primo CD è affidata a “Condemned to live”, tra i pezzi più riusciti e bell’intervento di LaBrie. Il secondo CD inizia senza particolari discostamenti con quanto finora descritto. Segnalo 2 bei soli di tastiera e chitarra in “The dream dissolves”, l’orientaleggiante “Deathcry of a race” e la molto purplelliana “Into the Ocean”. L’incedere atmosferico di “Bay of dreams” introduce la mettallara “Planet Y is alive”. Poi continua ancora, ma è decisamente troppo… Arjen si dilunga troppo e appesantisce (anche per esigenze liriche), rendendo poi poco “digeribile” l’inevitabile complessità di progetti così ambiziosi quanto lodevoli.
Best tracks: "The day that the world...", "Sea of machines", "Condemned to live". 6/10
 


Secondo lavoro per la band dell’attivissimo John Mitchell, geniale e virtuoso chitarrista (già con gli Arena, Frost, Kino…). Il prog melodico e raffinato della band, che include Craig Blundell alla batteria, ruota intorno ad un concept molto caro al chitarrista ed i pezzi pur se in classica forma canzone acquistano una coesione che contribuisce a rendere il disco ancor più interessante. L’intro pianistico e atmosferico di “Deep sleep” crea subito grandi aspettative, confermate  dalla poppeggiante “Awakenigs” e soprattutto da “Sigma”, molto vicina ai territori degli ultimi Arena, gran ritornello, riff portentoso e gran lavoro finale di Blundell. Il sound si acquieta con “In floral green” in cui un cantato “sillabato” si unisce ad una melodia pianistica fascinosa, rendendo il pezzo tra i più riusciti. Ancora superArena con “Everglow” ed ancora un trascinante ritornello a farla da padrone con annesso intermezzo strumentale, stupendo. La sincopata “False lights” contiene ancora un accattivante ritornello che dialoga con accenni di nu jazz prima ed epicità tastieristica poi. Dopo la tiratissima “Symbolic”, la più tranquilla e melodica “The divine art of being”, entrambe includono brillanti interventi chitarristici. E’ il momento del pezzo più epico e prog dell’album: “The big dream”. Dopo un intro in chiaro stile Arena prima maniera, con chitarrismo alla Echoes dei Floyd e solennità tastieristica, il pezzo entra in sentieri astrusi, quasi Crimsoniani. Atmosfera drammatica che sfocia nel bellissimo fraseggio elettrico di Mitchell. Vale il disco! L’epilogo è affidato alla giusta e sussurrata “Hello world, goodbye” (con Mitchell sempre in evidenza) ed alla melodica  e pianistica “Sea beams”, qui interviene anche il flauto ad accompagnare questo disco favoloso! Mitchell non è solo un incredibile chitarrista, dal gusto e stile gilmouriano, ma un geniale compositore.
Best tracks: “Sigma”, “Everglow”, “The big dream”, “In floral green”.  8/10


The release date for “Is This the Life We Really Want?,” the new album from ROGER WATERS, has been delayed by two weeks. Originally scheduled for May 19, Columbia Records will now release it globally on Friday, June 2!
 
STEVE WILSON  will release the new album "To the bone"  on 18th august 2017.
 
Fleetwood Mac’s  LINDSEY BUCKINGHAM & CHRISTINE McVIE  will release their first album  on 09th june 2017.
 
STEVE WILSON in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Teatro degli Arcimboldi, 09 february 2018, Roma, at Atlantico, 10 february  2018.
 
TANGERINE DREAM will release the new album "Quantum gate" on 29th september 2017.

YES featuring Jon Anderson, Trevor Rabin and Rick Wakeman, in tour:
Date tour in Italy: Roma, Auditorium Parco della Musica, 17 july 2017, Schio (Vicenza), Arena campagnola, 18 july 2017, Arbatax (Nuoro), Rocce Rosse, 22 july 2017.



L’ex tastierista di Japan e Porcupine Tree firma dopo quasi 10 anni un nuovo lavoro solista, ma una parentesi in cui non è stato mai nell’apatico torpore artistico,  considerando i 2 lavori in collaboazione con Steve Hogarth. Quest’ultimo “Planets+Persona” rappresenta certamente il suo disco più maturo, articolato ma coeso, in cui musicisti italiani e svedesi lo coadiuvano nella registrazioni di brani ispiratissimi con l’inclusione dei più disparati strumenti.
“Solar sea” è ambient intriso di nu-jazz, la successiva “New found land”  prosegue sulla stessa direzione ma la tromba di Luca Calabrese ed una batteria pulsante ne accentuano la meraviglia. Con “Night of the hunter” si svolta nei territori della World Music, iniziali suoni acustici vengono scalzati dall’irruzione di un tappeto percussivo elettronico in un incedere spaziale. “Interstellar Medium” riporta nei territori ambient. “Unholy” gira su un impercettibile quanto sorprendente e bellissima melodia al piano, contrappuntata dai piu disparati timbri strumentali…da  segnalare la voce ed il sax di Lisen Love.  La delicata “Shafts of light” introduce la conclusiva  e robotica “Solar storm” che progredisce in una rarefatta atmosfera free-jazz. Disco bellissimo, ideale per una ricca e versatile dimensione meditativa.
Best tracks: “Unholy”, “Night of the hunter”, “Solar storm”. 8/10


Prolifico come nessun’altro, l’ex chitarrista dei Genesis ha trovato da tempo la giusta e consolidata band e l’entusiasmo di suonare, anche live. Album a ripetizione, sempre di livello ma nessuno lo si ricorda come capolavoro (mi piacque molto “Darktown” del 1999 e “To watch the storm” del 2003), ed anche quest’ultimo non aggiunge nulla di strabiliante a parte l’inserimento di molti strumenti “etnici” (tar, didgeridoo, duduk, quena…) a puntellare le marcate orchestrazioni. “Behind the smoke” apre cadenzata ed orientaleggiante l’album, “Martian sea” ha tanti cori e poi finisce con bel fraseggio di chitarra a duettare con un orchestrazione “sitar oriented” (segnalo Nick D’Virgilio alla batteria), “Fifty miles from the north pole” marca un’ atmosfera misteriosa e tenebrosa in cui Hackett tesse magnificamente la trama e cori fanciulleschi ad apportarne ariosità. “El nino” è uno show chitarristico in cui l’elettrica va a duettare con interessanti orchestrazioni. Dopo l’acustica “Other side…” arriva il brano più coeso e convincente: “Anything but love”. Ancora intrecci vocali e corali interessano “Inca Terra” dal sentore etnico e molto YES, ma poi nel finale, come spesso accade, è un poderoso lavoro chitarristico di Hackett a volere “l’ultima parola”. Idem per la folkeggiante “In another life”. “In the skeleton gallery” è una di quelle track che distinguono l’atmosfera di tutti i lavori del chitarrista. Con “West to east” Hackett ammicca tra ritornello e orchestrazioni, e chiude con quelle note elettriche di “The gift”che lo hanno reso celebre, dolcemente.
Best tracks: “Anything but love”, “El nino”, “ Behind the smoke”. 7/10
 


L’atto musicale conclusivo a nome Deep Purple sembra sia stato dichiarato essere proprio quest’ultimo lavoro.  Un album molto propagandato ed etichettato come tra i loro lavori più Prog. Io non ci ho trovato quasi nulla di Progressive e, ancor più, di interessante, a differenza invece del precedente “Now what?!” del 2013. Di quel poco rimasto della storica band originale ho scoperto invece il brillante lavoro di Don Airey alle tastiere e la conferma del guitar-hero Steve Morse. Proprio nel pezzo di apertura emergono i citati nell’incalzante incedere di “Time for Bedlam”. Il single “All I got is you” è di quelli che da solo potrebbe valere l’acquisto: atmosferica ed intensa, bella prova al microfono di Ian Gillan.
Tra i vari pezzi anonimi però emergono e segnalo anche la trasognante “The surprising” ed il pezzo davvero vicino al prog: “Birds of prey”. Qui i musicisti tutti spolverano il loro mestiere ad arte, e nel finale Morse sprigiona al meglio la sua perizia chitarristica.
Best tracks: "All I got is you", "Birds of prey".  6/10



ROGER WATERS  will release the new album "Is this the life we really want?"  on 19th may 2017.

ANATHEMA  will release the new album "The optimist"  on 09th june 2017.

THE EDEN HOUSE will release the new album "Skin deep" on 16th june 2017.

The new band LONELY ROBOT of Arena guitarist John Mitchell will release the new album "The big dream" on 28th april 2017.

MARILLION in tour:

Date tour in Italy:  Roma, at Auditorium Parco della Musica, 03 october  2017, Milano, at Teatro degli Arcimboldi, 04 october 2017.

RADIOHEAD in tour:
Date tour in Italy:  Firenze, at  Parco delle Cascine, 14 june  2017, Monza (MI), at Autodromo, 16 june 2017.

HANS ZIMMER in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Mediolanum Forum, 29 june 2017.

ARCHIVE in tour:
Date tour in Italy: Roma, at Villa Ada, 12 july 2017.

DEEP PURPLE in tour:
Date tour in Italy: Roma, at Palalottomatica, 22 june 2017, Bologna, at Unipol Arena, 26 june 2017, Milano, at Mediolanum Forum, 27 june 2017.

ANATHEMA in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Alcatraz, 16 october 2017.

YANN TIERSEN in tour:
Date tour in Italy: Firenze, at MusArt Festival, 17 july 2017, Roma, at Auditorium Parco della Musica, 18 july 2017, Venezia, at Teatro La Fenice, 19 july 2017.



 
Dopo 3 anni e diversi rinvii, finalmente fuori l'ultimo lavoro della band patrimonio di Aviv Geffen ed il subdolo contributo di Steve Wilson dei Porcupine Tree. I notevoli e frequenti impegni di Steve Wilson solista avevano un pò arenato il suo nome nel precedente "IV". Quest'ultimo lavoro lo riporta in auge e la sua firma impreziosisce formalmente e sostanzialmente la musica. La creatura Blackfield si conferma ormai come band Pop per eccellenza, Pop raffinatissimo, forte di melodie vincenti ed irresistibili. Il duo è coadiuvato dai soliti membri originari ma in modo marginale, perchè Wilson si prende l'incarico anche del basso. I pezzi sono brevissimi e tutti "appetitosi". Si comincia con "A drop in the Ocean", intro orchestrale per il primo hit convincente di "Family man", ricorda molto le sonorità di album come "Stupid dream" dei Porcupine Tree. I toni cadenzati del pezzo vengono sostituiti da quelli più malinconici della successiva "How was your ride", la più convincente dell'album. Wilson condisce il pezzo anche con un bel guitar solo, semplice ma affascinantissimo. "We'll never be apart" integra i ritornelli faciloni in chiaro stile Blackfield a firma Geffen (ma c'è la mano anche di Alan Parsons alla produzione), invece "Sorrys" è la sua ballata acustica. "Life is an ocean" gira su un arpeggio di piano e vocalizzi che ricordano gli Yes seconda maniera (quelli anni 80). "Lately" è un potenziale secondo hit a cui succede un altro pezzo molto convincente: "October". Ballata malinconica al piano e contrappuntata dall'orchestra. Bellissimo cantato di Wilson, splendido interprete. "The jackal" poteva anche non esserci per la sua banalità! Anche la strumentale "Salt water" non lascia il segno. Il segno lo lascia invece la successiva e struggente "Undercover heart", forte di un ritornello vincente, forse stucchevole ma coinvolgente, tanto. "Lonely soul" è molto fascinosa e riuscita, grazie soprattutto alla voce in falsetto ed al cantato femminile a creare un groove davvero interessante. A chiudere c'è l'altra ballata stucchevole ma irresistibile di "From 44 to 48". I primi ascolti lasciavano delle perplessità per la loro eccessiva semplicità, ma poi ci si convince che la classe non è acqua davvero, ed i Blackfield sono una realtà Pop infallibile.
Best tracks: "How was your ride", "October", "Undercover heart". 8/10


JOHN WETTON (1949), prog rock pioneer who co-founded Asia and served in King Crimson, has passed away (31 january 2017) after a battle with cancer. R.I.P.

STEVE HACKETT  will release the new album "The night siren"  on 24th march 2017.

DEEP PURPLE  will release the new album "Infinite"  on 07th aprilh 2017.

RICHARD BARBIERI  will release the new album "Planets + Persona"  on 03th march 2017.

AYREON  will release the new album "The source"  on 28th aprilh 2017.


 

Il progetto "Electronica" era "solo" una sperimentazione ed una preparazione per il nuovo capitolo "Oxygene". Ancora un uscita discografica, ed il Maestro dell'elettronica fa ancora centro. Supercentro. Un nuovo viaggio astrale ed ancestrale fatto di suoni superbi, di sequenze incantevoli.
Le collaborazioni di "Electronica" hanno dato nuova linfa e nuove ispirazioni, soprattutto in termini di utilizzo dei suoni. L'apertura pt.14 ci introduce nel "trip" cosmico e già ci sembra di volare in un universo di suoni spettacolari: base ad incedere, linea melodica ed il suo Arpa Laser a fare da contrappunto. Niente di meglio! Con la successiva pt. 15 sembra già di dondolare in uno spazio vacuo, un buco nero, con incredibili suoni sincopati sulla stessa base e linea melodica percepibile appena, ma il tanto che basta per la "trance" ineluttabile in cui si è immersi. La pt. 16 ormai conduce in una direzione precisa, dopo la sospensione ed il mistero creto dai primi 2 pezzi. Una linea melodica precisa ma ancora transitoria, un introduzione alla pt. 17. Questo è il pezzo hit, quello che si fa ricordare e canticchiare, a bocca  chiusa ovviamente! Ma anche ad occhi chiusi. E la pt. 18 ce li fa tenere proprio così, breve ed etereo intermezzo. Con la pt. 19 si viene di nuovo catapultati in uno spazio misterioso e dopo un paio di minuti una nuova linea melodica ci sembra condurre e accompagnare fiduciosamente da qualche parte, però sempre indefinita e precaria. Improvvisamente un organo solenne sembra ci segnali l'arrivo in un posto definito: è l'ultima parte. Silenzio, gorgoglii, cigolii che si aprono ad una sequenza di note lunghe, lunghe, ampie  e solenni, stile M83. Brividi, brividi e brividi di un viaggio intergalattico ma direi meglio di un esperienza avvicinabile ad un coma, musicale.
Capolavoro assoluto.
Best tracks: "pt. 14", "pt 15", pt. 17", pt. 20".  9/10

 

Non era facile succedere al bellissimo "Pale Communion", ed infatti quest'ultimo lavoro appare poco meno ispirato. Ad aprire è l'acustica "Persephone" dal "sapore rinascimentale", "Sorceress" condensa il sound degli ultimi Opeth. La vivacità sconclusionata e acrobatica di "The wilde flowers" introduce la jethrotulliana "Will O the wisp", bella come il suo guitar solo. L'ambiziosa "Chrisalis" gira e rigira molto ma alla fine non va da nessuna parte, quasi scontata. L'orientaleggiante "The seventh sojourn" è interessante. "Strange Brew" sembra uscita dal repertorio solista di Steve Wilson, molto crimsoniana in diverse "zone". "A fleeting glance" aspira ad un hit quasi fallito per la sua scontatezza. Per fortuna c'è "Era" che tra riff devastante e ritornello epico, vince e convince. Tra alti e bassi un bel disco, nulla di indimenticabile.
Best tracks: "Sorceress", "Will O the wisp", "Era". 7/10



GREG LAKE (1947), prog rock pioneer who co-founded Emerson, Lake & Palmer and King Crimson, has passed away (07 december 2016) after a battle with cancer.
R.I.P.

New album during 2017 by STEVE WILSON, MUSE, TOTO, TOOL, ASIA featuring JOHN PAYNE, LUNATIC SOUL.

 
 
A solo 1 anno da "Restriction" esce un pò a sorpresa il loro nuovo lavoro che contiene diverse novità, sia  a livello di sonorità che di formazione. Non compaiono più le 2 vocalist femminili (Maria Q e Holly Martin) che davano più calore e colore alla loro musica e la stessa sembra orientarsi su un territorio industrial, astruso, sincopato e "ghiacciato". Ad attutire la ruvidezza sonora generale, ci sono 2 pezzi molto interessanti con la voce calda e sussurrata di Berrier: "Blue faces" e "Bright lights" accompagnate magistralmente al piano. "A thousand thoughts" richiama agli eterei vocalizzi, loro marchio di fabbrica. "The false foundation" è Archive style al 100%, ma terminare con una natalizia "The weight of the world" dice molto sulla mia titubanza generale di questo lavoro.
Best tracks: "Blue faces", "The false foundation", "Bright lights".  6/10



BLACKFIELD  will release the new album "V"  on 10th february 2017 (instead 18th november 2016!)

ORK  will release the new album "Soul of an octopus"  on 24th february 2017 and tour in Italy from 03 march at 16 march 2017.


 
 
Dopo le 2 ultime uscite discografiche, in cui Moby spaziava  sfacciatamente e brillantemente nell'elettronica raffinata, il poliedrico musicista americano propone un album diversissimo, crudo al limite dell'industrial e secco al limite del punk. E' un messaggio musicale arrabbiato, di protesta, ed il cantato accentua o asseconda l'impeto rivoluzionario. Le prime 2 tracce bastano a condensare l'intero album, che diventa poi monotono nella sua ossessività. Trovo sempre ammirevole la volontà di un artista di cambiare e sperimentare ma diventa anche facile perdere la propria identità se l'obiettivo sembra più un tentativo che una precisa idea armata di ogni strumento per farne un lavoro coeso e brillante. Fortunatamente c'è il singolo (non un caso) "Are you lost in the world..." a placare la monotonia industrial con un vincente contrappunto melodico che ha reso celebre l'artista.
Best tracks: "Are you lost in the world..., "A simple love". 6/10



STEVE HACKETT in tour:
Date tour in Italy: Torino, at Teatro Colosseo, 29 march 2017, Legnano (MI), at Teatro Galleria, 30 march 2017, Schio (VI), at Teatro Astra, 31 march 2017, Roma, at Auditorium Conciliazione, 01 april  2017.

MIKE OLDFIELD will release the new album "Returns to Ommadawn" on 20th january 2017.


 
 
Può essere considerato l'album testamento di Piotr Grudziński, lo sfortunato chitarrista della band trapassato durante le registrazioni di questa Musica. Il seguito del bellissimo "Love, fear..." raccoglie molti suoi pezzi  riarrangiati in un lavoro strumentale e contenente scarti anche di "Rapid..." e Shrine...". Il risultato è stupefacente, non solo per chi ha amato, come me,  i primi lavori targati Riverside ma per tutti coloro che adorano lo space-rock con forte contaminazione elettronica, l'ambient più strutturata. L'album si inserisce musicalmente a cavallo tra i lavori solisti del frontman Mariusz Duda firmati "Lunatic Soul" ed i Riverside più floydiani. Si parte alla grande con "Where the river flows", viaggio dal crescendo epico e spaziale, elettronica alla Tangerine Dream sfuma verso le più  acustiche sonorità alla Lunatic Soul. Fantastico lavoro tecnico di chitarra ritmica, loops e sintetizzatori. La successiva "Shine" è dominata da un giro di basso maestoso su cui gira il ritonello chitarristico e una mastodontica ritmica di sostegno, non si scorda facilmente, tutt'altro. La terza perla è sicuramente quella migliore, in assoluto il pezzo che sigla l'album intero. "Rapid Eye movement" è riarrangiata in una veste Porcupine Tree prima maniera. In un atmosfera cupa ed elettrizzante, spaziale, cosmica e trascinante, il pezzo culmina in un apoteosi ipnotica. Piotr Grudziński qui dimostra tutto il suo gusto chitarristico, regalando brividi clamorosi. La suite di "Night session" chiude il primo CD: le atmosfere sono quelle degli Ashra tempel che incontrano Porcupine Tree e Lunatic Soul, ma la seconda parte è pura sperimentazione con stralci jazzistici e tanto di sax a condimento. "Sleepwalkers" apre il secondo CD, il mix di elettronica e perizia strumentale fa apparire veri sonnambuli nell'immaginario dell'ascoltatore, cupa e gotica nel più Steve Wilson style possibile. Si prosegue poi con una serie di pezzi da "Love, fear..." dalle sonorità ambient richiamabili ai Lunatic Soul di Duda. Chiusura affidata a "Eye of the soundscape", mancava un ambient alla Brian Eno, ed eccola servita! Con questo lavoro i Riverside dimostrano non solo la loro perizia tecnica e compositiva ma quella  raffinatezza melodica di cui molte band concorrenti alla fine difettano. Album ricco di Musica bellissima.
Best tracks: "Rapid eye movement -remix", "Where the river flows", "Shine".  8/10



DREAM THEATER in tour ("Images, words & beyond"):
Date tour in Italy: Roma, at Auditorium Parco della Musica, 30 january 2017, Padova, at Gran Teatro Geox, 01 february 2017, Milano, at Mediolanum Forum, 04 february 2017

 
 
In un "momento" di estremo vigore creativo il Re dell'elettronica piazza il secondo capitolo del progetto "Electronica" dopo pochi mesi dall'uscita del primo. La collaborazione con gli altri musicisti si completa. Tra i partecipanti di questo disco cito: Pet Shop Boys, The Orb, Jeff Mills, Cyndi Lauper, Primal Scream, Edward Snowden ed Hans Zimmer!
L'inizio è sconvolgente, straordinario. La suite di "The Heart of Noise" è tra le perle della sua intera carriera: inizio lento ed ipnotico di un viaggio che accellera e accarezza le nostre frequenze più inesplorate."Brick England" vince con il suo ritornello in chiaro stile Pet Shop Boys, è maestria melodica e commerciale. I pezzi successivi spaziano all'interno di un elettronica commerciale, a volte rimanda ai Chemical Brothers ("Exit"), altre ai Depeche Mode ("Here for you"), altre ai Massive Attack ("What you want"), altre ai Kraftwerk ("As one", "Gisele", "Falling down"), altre al Mike Oldfield che utilizza caratterizzanti cantati femminili ("Swip to the right", "These creatures"). Interessante il cantato nell'atmosfera surreale di "Walking the mile". Il disco si discosta per sonorità dalle atmosfere spaziali e spesso ipnotiche del primo capitolo mantenendo però  intatto il valore compositivo.
Best tracks: "The heart of noise -suite", "Brick England", "Electrees". 8/10
Dopo oltre 15 anni di attività finalmente la band di Bruce Soord comincia a raccogliere i giusti riconoscimenti. Certamente tra i migliori talenti della scena inglese, Soord non è solo un brillante compositore, ma esperto produttore e tecnico del mixer. Bruce ha già collaborato con Anathema, Opeth e Steve Wilson. Il sound dei TPT intreccia Porcupine Tree, Blackfield e Anathema, molto melodico e ricco in fase di arrangiamento. Dopo il suo recente esordio solista, Soord interviene a firma TPT ed è boom. Questo "Your wilderness" può inserirsi tra le migliori uscite discografiche del 2016. In quest'ultimo album si sente la giusta coesione, si sentono i pezzi vincenti che i precedenti lavori difettavano per quel millimetro fatale! Qui è davvero tutto perfetto: una collezione di pezzi bellissimi, stupefacenti. Forse quel che mancava precedentemente era il genio di un batterista, ed allora è chiamato "alle pelli" Sir Gavin Harrison! Come non accorgersi del suo gusto e della sua tecnica!? E' lui che impreziosisce ogni pezzo sempre in modo diverso, sempre nel modo più appropriato. Diventa pleonastico descrivere ogni singolo pezzo, possono e devono solo essere ascoltati e dimenticarsi delle futili parole che invadono il nostro quotidiano. Ad un certo punto sembra di sentire i magici Supertramp! Perchè su "Fend for yourself" c'è anche il clarinetto di John Helliwell, già. In questa raccolta voglio però segnalare un pezzo sopra tutti: "The final thing on my mind". Capolavoro assoluto, composta per regalare brividi, per trascinare la mente dove va il cuore.
Best tracks: "In exile", "That shore", "The final thing on my mind". 8/10
 

ROGER WATERS annunces 2017 North American tour and a new album for spring 2017.
 
Forse la band più prolifica della scena Prog. Da quasi 40 anni Hogarth e Soci continuano a partorire album, tutti di qualità, ognuno con una sua identità. Dopo 4 anni i Marillion ci regalano un ennesimo capolavoro (diciottesimo album), tanto da poter essere paragonato qualitativamente a "Brave" e "Marbles". Musicalmente molto diverso: i brani sono solo 5 (6 nella versione deluxe) ma suddivisi in diverse parti, e coesi da un tema politico (la loro prima volta), con un vero mattatore che corrisponde al vocalist  Steve Hogarth; particolarmente in quest'ultimo lavoro Steve fa decollare in lungo e largo  la sua voce fascinosa. L'intera band comunque da prova, anche qui, di grande unità e maturità; tutti contribuiscono a deliziare e ricamare brillantemente brani ispiratissimi. "El dorado" dimostra l'approccio narrativo nel quale il cantante conduce una danza che raggiunge picchi di rara bellezza,  plauso al tastierista Kelly che accompagna e crea mood da brividi. "Living in FEAR", strutturata su un cullante giro di piano, esplode su ritornello che non vuol farsi dimenticare, in chiaro stile Marillion. La seguente "The leavers" è ben più articolata, attraverso un loop tastieristico molto ritmico e vi hanno modo di infilarsi performance deliziose di basso e chitarra. L'implacabile Rothery qui lascia davvero il segno con il suo sound riconoscibilissimo. E ad un certo punto Kelly sembra richiamare un giro di note con cui Hans Zimmer firmò quel capolavoro di "Interstellar". Poi chitarra e orchestrazioni all'unisono preparano una fuga splendida, che finisce con l'ugola di Hogarth e giro di note al piano. "White paper" sembra partire come una "Neverland" e poi creare l'atmosfera di "Wrapped up in time", un pezzo che accoglie tutta la complessità e la caratterizzazione musicale che la band ha saputo creare negli anni. Si chiude con il gioiello "The new kings", epico e struggente. Hogarth impone brividi, e la chitarrra di Rothery diventa stridula, squarciante come una lama, una lama che lascia segni indelebeli tra gli arpeggi ipnotici di Kelly. Album sontuoso, meraviglioso. Applausi scroscianti ai Marillion, ancora una volta.
Best tracks: "El dorado", "The leavers", "The new kings". 8/10
 


JEAN MICHEL JARRE will release another new album "Oxygene 3" on 02th december 2016.
 
BLACKFIELD  will release the new album "V"  on 18th november 2016.
 
MOBY will release the new album "These systems are falling" on 14th october 2016.
 
ARCHIVE will release the new album "The false foundation" on 07th october 2016.
 
RIVERSIDE will release the new album "Eye of the soundscape" on 21th october 2016.
 
OPETH will release the new album "Sorceress" on 30th september 2016.

 
Sono tra quelle band della scena prog che hanno illuso con il loro lavoro d'esordio per poi perdersi strada facendo. Certo, confermarsi dopo il sontuoso "Identity" non era facile. I nuovi Pink Floyd della Norvegia ci hanno provato con "All rights removed" e poi con "The greatest show on Earth", ed ora con "Disconnected", ma non fanno che ripetersi ulteriormente: I pezzi sono strutturati sempre nello stesso modo, con la chitarrra di Bjorn Riis (meglio il suo recente lavoro solista!) che galoppa stridula su territori sterili, scontati, senza una vera meta, senza quelle belle idee del loro esordio. Se siete nuovi a questa band potete ascoltarvi "Killer" o "Disconnected", così per capire cosa fanno, ma se volete il meglio frugate direttamente nel loro disco d'esordio.
5/10
5 anni potrebbero sembrare molti dal loro ultimo lavoro "The king of limbs", in realtà Yorke e Co. sono rimasti molto attivi non solo con il progetto "Atoms for Peace" del carismatico cantante e quello solista di Jonny Greenwood, ma anche con molte esibizioni live. Proprio da queste sono scaturite molte delle tracce contenute in quest'ultimo album prodotto ancora dal mitico Nigel Godrich. Il sound si arricchisce e si perfeziona di incantevoli orchestrazioni (qui Greenwood si fa forte della sua ultima esperienza solista maturata), ne è prova il pezzo d'apertura. Poi lievi ed ipnotici tasti d'avorio strutturano uno dei pezzi meglio riusciti: "Daydreaming". L'atmosfera cupa e struggente di "Decks dark" avvicina i fan alle sonorità di "Hail to...", ed "In rainbows", un pezzo bellissimo. "Desert island disk" conduce a sonorità quasi country, con chitarra acustica e voce sussurrata. L'elettronica percussiva degli ultimi Radiohead domina "Ful stop", un inseguirsi di voci in un incedere affascinante e magistrale. Orchestrazioni nella delicatissima "Glass eyes" che introduce la percussiva "Identikit", cori in falsetto e giro di chitarra a contrappuntarla. "The numbers" richiama ai più sommessi Pink Floyd di inizio carriera ("Atom heart mother" per intenderci), orchestrazioni si fondono perfettamente sul giro di chitarra acustica. L'atmosfera sognante di "Perfect tense" richiama subito alle sonorità della band tanto amata, cantato di Yorke a  cullare gli arpeggi di chitarra e poi i cori, quei cori! Si va verso la conclusione: una delicata e puntellata "Tinker tailor soldier..." sfuma quasi "inosservata" fino alla conclusiva "True love waits", piano e voce che fanno chiudere gli occhi. Ancora un bel disco, nulla di clamoroso da sottolineare nel suono e nelle composizioni, ma un lavoro ben costruito, progettato, che aggiunge e nulla toglie al pregevole patrimonio consegnatoci fin qui.
Best tracks: "Decks dark", "Ful stop". 7/10
 

HANS ZIMMER has announced his very first tour in Europe in spring 2016, with Guthrie Govan!
 
MUSE in tour:
Date tour in Italy: Milano. at Forum Mediolanum, 14-15-16-17-18-19-20-21 may 2016.
 
MARILLION will release the new album "FEAR" on 09th september 2016.
 
JON ANDERSON (YES) and ROINE STOLT (THE FLOWER KINGS, TRANSATLANTIC) will release the new album "Invention of knowledge" on 24th june 2016.
.
BRIAN ENO will release the new album "The ship" on 29th april 2016.
 
AIRBAG will release the new album "Disconnected" on 10th june 2016.
 
DAVID GILMOUR in tour:
Date tour in Italy: Roma, at Circo Massimo, 02-03 july 2016, Pompei, at Anfiteatro, 07-08 july 2016, Verona, at Arena, 10-11 july 2016
 
KEITH EMERSON, founding member and keyboardist of Emerson, Lake and Palmer and a prog rock legend, has died (suicide) at the age of 71. RIP
 
JEAN M. JARRE in tour:
Date tour in Italy: Roma, at Auditorium Parco della Musica, 09 july 2016
 
YES in tour:
Date tour in Italy: Firenze, at OBI hall, 31 may 2016, Roma, at Teatro Olimpico, 01 june 2016

 
La più acrobatica e virtuosa band del mondo del Rock produce l’opera più lunga e complessa della loro discografia. La macchina Dream Theater ha metabolizzato il nuovo corso intrapreso con Mangini alla batteria per realizzare forse il loro progetto più ambizioso. La veste più melodica ed equilibrata dei loro ultimissimi album qui si condensa nella sua più completa ed epica espressione. Ben oltre 2 ore di Musica dentro 2 CD che esprimono chiaramente il desiderio di voler ancora trasmettere molto in termini musicali, molto e bene ma non certo in modo nuovo od originale. Evidenzio del primo CD: “Dystopian Overture”, sintesi epica e  solenne, struggente e articolatissima composizione che ben descrive l’intero album, in cui spicca decisamente il lavoro tastieristico di Rudess che si cimenta anche in bellissimi intermezzi orchestrali, degni di rappresentazioni cinematografiche. Il tema strutturale/ritornello è ripreso bene nella melodica e avvincente “Act of Faythe” in cui il cantato di LaBrie (in gran spolvero per tutto l’album) coinvolge tanto tanto e culla anche. La cadenzata “Brother, can you hear me?” decolla ancora con l’ugola di LaBrie, bellissima. Sono le prove vocali che dimensionano il valore intrinseco dei pezzi, ne sono prove ancora: “Ravenskill” (dal finale epico e struggente), “Chosen” (sussurrata da LaBrie ed elettrificata da Petrucci), “The X aspect” è una gemma di brividi che iniziano con  il piano di Rudess a tessere con gran gusto l’intro del cantato trascinante che il buon James farà ricordare per molto molto tempo. Dov’è Petrucci? Nella ritmica “A new beginning”, dove vi ricava un bel guitar solo. Nel secondo CD non posso non menzionare la travolgente “Moment of Betrayal” (potente nel drumming secco di Mangini, nel suo coinvolgente refrain, e in quegli inseguimenti virtuosistici che tutti i musicisti ci hanno regalato nella loro carriera), “Begin Again” richiama “The X aspect” per la sua dolcezza mai stucchevole,  stupenda. “The Path that Divides” per chi volesse sentire il potente marchio di fabbrica DT. Chiude l’album “Astonishing”, in cui tutti i temi vengono ripresi sapientemente tra archi, marce trionfali e vocalizzi favolosi in quel tono epico di cui  l’intero album  è impregnato. Nulla da aggiungere, tra qualche passaggio noioso o inutile, di tanta codesta Musica solo farsene coinvolgere.
Best tracks: "The X aspect", "Begin again", "Astonishing". 8/10
 

The brilliant RIVERSIDE's guitarist PIOTR GRUDZINSKI (1975) has passed away (21.02.2016). RIP
 
JEAN MICHEL JARRE will release the new album "ELECTRONICA 2: the art of noise" on 06th may 2016
 
DREAM THEATER in tour:
Date tour in Italy: Milano, at Teatro Arcimboldi, 17-18-19 march 2016, Trieste, at Teatro Politeama, 20 march 2016
 
STEVE WILSON in tour:
Date tour in Italy: Trieste, at Politeama Rossetti, 26 April 2016, Firenze, at OBI hall, 27 April 2016, Verona, at Anfiteatro del Vittoriale, 12 july 2016, Pescara, at Teatro D'Annunzio, 13 july 2016.
 
TOTO in tour.
Date tour in Italy: Torino, at PalaAlpitour, 06 February 2016, Montichiari, at Pala George, 07 February 2016.
 
FRANCO BATTIATO & ALICE in tour:
from 13 february 2016 to 8 April in many cities of Italy
 
IRON MAIDEN in tour.
Date tour in Italy: Milano, at Mediolanum Forum 22 July 2016, Roma, at Rock in Roma-Capannelle, 24 July 2016, Trieste, at Piazza dell'Unità d'Italia, 26 July 2016.
 
A new project involves TREVOR RABIN, RICK WAKEMAN, JON ANDERSON together!
 
New album during 2016 by MARILLION, AIRBAG, BLACKFIELD, MOBY, RADIOHEAD, JEAN M. JARRE, ROGER WATERS.
 
DREAM THEATER  will release the new  album "The Astonishing" on 29th January 2016.

 
E’ stato controverso e complesso, ambiguo, eccentrico, profondo e sorprendente sempre, sul palco, e probabilmente anche nella vita privata, in quella vita in fondo sempre più borghese, quasi tradizionalista, che andava conducendo negli anni. E’ stata proprio questa apparente dicotomia del personaggio (o forse meglio parlare dei personaggi, tanti personaggi!) con la sua persona, fondamentalmente austera, a rappresentare al meglio la forza artistica e umana di David Bowie. Essere tutto ed il contrario di tutto fino al midollo, fino alla morte. Una morte che diventa forma d’Arte sopraffina,  anch’essa. L’ha immaginata e l’ha rappresentata,  e poi l’ha strumentalizzata come suo Ultimo Saluto. Con questo disco, “Blackstar”. Quale modo migliore per eluderla o caricarla, utilizzarla o solo abbracciarla dolcemente? E poi con un bel Colpo di Scena per il suo pubblico… niente di meglio che festeggiare il sessantanovesimo compleanno con il proprio ultimo testamento musicale e poi andarsene inaspettatamente 2 giorni dopo, per sempre.Un capolavoro! Il disco è già questo, senza neppure ascoltarlo!
Eppure Bowie era già seriamente malato da almeno 4 anni,  nel suo estetico e dignitosissimo silenzio. Proprio in questo silenzio ha partorito i suoi 2 album migliori; quelli più raffinati, complessi, maturi… forse il silenzio quando è sofferto, devastante e lacerante aiuta certi processi creativi, spacca e apre le porte migliori. Abbandonata la scena live già dal 2006 per i noti problemi cardiaci, si concentra in studio prima con l’ottimo “The next day” e poi il Duca Bianco accellera  la cavalcata per partorire ad ogni costo questo autentico capolavoro che è “Blackstar”. Lo ascoltai prima che Bowie morisse e non fu comunque difficile pensarlo subito come un vero testamento, aiutato anche dal meraviglioso video di “Lazarus”. I nuovi musicisti dei quali si accompagna provengono tutti da radici jazz ed il sassofono di Donny McCaslin è proprio il filo conduttore nella Musica proposta. Non è anch’esso un caso: Bowie iniziò a suonare da bambino il sax,  suo primo strumento, suo grande amore…niente di più naturale che rispolverarlo alla grande, proprio alla fine. “Where are we now?” si chiedeva  (cantando meravigliosamente) 3 anni fa il Duca Bianco… ora sembra aver trovato tutte (o quasi) le risposte; già con l’iniziale, lunga e articolata “Blackstar”. I riferimenti biblici, mitologici ed esoterici sono la struttura  portante di un cantato onirico, a tratti sussurrato ma sempre affilato ed incessante, le atmosfere sono cupe al battere percussivo ed ossessivo. Poi appare una luce improvvisa rappresentata dalla voce “normalizzata” di Bowie, ma è solo un intermezzo perché la morte è annunciata. La successiva “ ‘Tis a pity she was a whore” disorienta subito non solo per i suoi connotati musicali super jazzistici in cui i fiati la fanno da padrone ma anche per il suo testo strambo  e ”terreno”. E’ bellissima, comunque. Solo 5 minuti  e si torna sulle atmosfere claustrofobiche, inquietanti e disperate di “Lazarus”: Bowie canta (meravigliosamente), spiega e si domanda, e il sax risponde, gli soffia lieve, lo accompagna nel lievitare del suo trapasso in cui si vede già lontano. E’ il capolavoro che annuncia, ci annuncia. La successiva “Sue” ci parla di false speranze, di tradimenti, di “una fede infinita per opere senza speranza” e la musica è un labirinto di suoni in cui il battere ed il levare la rendono sempre più ossessiva  e frenetica. Con “Girl loves me” Bowie sembra vivere un' incomprensione , una solitudine  che non è solo affettiva, e la musica riflette questo senso ancora di inquietudine in cui il contrappunto degli archi non levia una struttura onirica e schizofrenica. Pianoforte e  sax introducono il pezzo più melodico e struggente dell’album, è “Dollar days”, una sorta di analisi sul valore delle cose a cui si è fatto affidamento, a ciò che si sta perdendo e forse non si vuol perdere. “Vedendo di più e sentendo di meno”, “Dire di no ma intendere si”, “Questo è tutto quello che ho mai avuto da dire”. Con questi versi Bowie saluta, rendendosi conto che non può dare tutto via, o forse meglio non vuole. La più leggera “I can’t give everything away” chiude l’Opera magnifica di Bowie. Chiudere così la propria vita è un privilegio, si, ma anche un viaggio perfetto che può volere e costruire solo chi ha cercato sempre oltre, lontano da ogni pregiudizio, ma vicino agli  amici Pianeti, tutti. Non necessariamente il solo Marte.
Best tracks: “Lazarus”, “Blackstar”, “Dollar days”.  8/10
 


DAVID BOWIE (1947), the Total Artist, has passed away (10 january 2016) after an "18-month battle with cancer".
R.I.P.

 
Dopo 8 anni di attesa finalmente il Principe dell’Elettronica arriva sul mercato con un nuovo lavoro da studio, e lo fa in grande stile, grandissimo. JMJ decide di rimettersi in gioco con 2 intenti precisi: farsi conoscere come  vero e vecchio guru della specialità dagli utenti più commerciali dell’elettronica, ovvero quelli della discomusic, e trovare nuovi stimoli compositivi introducendo elementi diversi ed inesplorati. Per fare questo decide di avvalersi di illustrissime collaborazioni, artisti del settore che hanno contribuito a modellare ed evolvere l’Elettronica stessa. Ne esce un vero capolavoro! Un album che sintetizza (è proprio il caso di dire!) al meglio quanto finora ha saputo e potuto regalare questo genere alla Musica stessa nel corso di 40 anni (l’avvento del primo moog…). Con Boys Noize si parte e si decolla subito in uno spazio intergalattico e qui ci sono molte sonorità alla “Chronologie”, è “The time machine”. Con gli M83 recupera il cantato solenne ed ammiccante facendone un vero hit, è “Glory”.  Con Vince Clarke si torna sulle sonorità spaziali ed ipnotiche ma con motivi melodici (parte 2) memorabili, è la suite di “Automatic”. Con Moby si torna a cantare, a gridare elettronicamente, è “Suns have gone”. C’è spazio anche per i Tangerine Dream, e qui sono riconoscibilissimi gli strumenti che li hanno resi celebri, moog in primis. Sono i paesaggi eterei di “Zero gravity”. Come si può far diventare sensuale l’Elettronica? Con la voce di Laurie Anderson. E’ “Rely on me”. Il padre della trance Armin Van Buuren sbarca con la sua astronave per farci fare un  nuovo viaggio intergalattico, ma anche danzereccio, è “Stardust”. Il re delle colonne sonore dark-noir è coinvolto per il pezzo più inquietante, nel suo incedere lento e poi esplosivo, è “A question of blood”. Infine chiude “The train & the river”, il capolavoro. Addirittura il talento pianistico di Lang Lang è chiamato in causa per mixare i tasti d’avorio nel territorio forse più a lui antitetico, ma, come spesso accade, ne esce il pezzo più incredibile e coinvolgente. Si, in realtà ho dimenticato di citare anche le collaborazioni con Air, Pete Townsend, Massive Attack…ma troppa, tanta carne sul fuoco e tutta buona, gustosissima… forse perché il fuoco è elettronico o forse perché ai fornelli c’è sempre lui, l’unico ed inimitabile Jean Michel Jarre.
Best tracks: “The time machine”, “Automatic 2”, “Stardust”, “A question of blood”, “ “The train & the river”.  9/10
A solo 1 anno dall’interessantissimo “Demon” i Gazpacho recuperano le tracce scartate e ne fanno un nuovo album. Nel panorama Prog sempre distintisi per gli arrangiamenti complessi, quasi astrusi, ritmi pacati, percussivi e l’integrazione nel loro sound di strumenti inusuali. Il cantato di Ohme è il valore aggiunto anche su questo nuovo lavoro che non aggiunge  nulla di nuovo, anzi spesso toglie. Molto pezzi risultano inutili e slegati, non solo a chi non li conosce. A parte la bella ed orientaleggiante “Algorithm”, “Know your time” e “Choir of ancestors”, che sembrano uscite dal loro capolavoro “Tik Tok”, è un album che non si farà ricordare molto.
Best tracks: “Algorithm”, “Choir of Ancestors”.  6/10
Ancora un bel lavoro di questo pianista ormai affermatosi come guru di una "new age” emozionale e raffinatissima. Si accompagna da Daniel Hope al violino e la Amsterdam Sinfonietta per calibrare ancora brani di grande fascino: “Petricor” è la giusta apertura per il suo marchio di fabbrica, melodia ed incedere ipnotico. Il resto scorre all’interno di un viaggio dolce e contemplativo con picchi, discese, risalite che mai ne deturpano  l’armonia complessiva ma anzi l’arricchiscono. “Four dimensions” è quel qualcosa di sussurato che lo si capisce solo se ci si abbandona. “Elements” sviolina una piacevole inquietudine, in “Twice” due voci sembrano parlarsi al battere continuo, uguale ed inespugnabile del tempo. “ABC” è il suo struggente dna pianistico, fatto di ampi spazi e lunghi tempi in cui il timbro emerge nella sua bellezza e ricchezza. Le puntellature di “Mountain” e l’arpeggio sospeso di “Song for Gavin” non fanno che completare nel migliore dei modi un altro bell’album, forse il migliore se qualcuno volesse iniziare a conoscerlo.
Best tracks: “Petricor”, “Four dimensions”, “ABC”.  7/10
Con quest’ultimo lavoro il leader Mariusz Duda trova il giusto compromesso con quanto proposto a nome “Riverside” e il suo ultimo progetto “Lunatic Soul”. La parte più metal, elettrica  e prog dei primi si fonde con quella più soft, elettronica ed acustica dei secondi. Il suono è molto anni ’70, onnipresente l’organo e la chitarra si “limita” ad arricchire le bellissime melodie conferite da Duda. Ne rende bene testimonianza “#addicted” o nell’ancor  più floydiana, struggente ed inquietante “Afloat”. Episodi di astrusità compositiva con i riff alla Porcupine Tree e l’elettronica e le sonorità di rimando ai primi bellissimi lavori Riverside con “Saturate me”. Sezione ritmica e ritornello ammaliante in “Discard your fear”, anche qui si percepiscono richiami ai Porcupine Tree e, nei riffs,  addirittura i Black Sabbath. La complessità di “Towards the blue horizon” sembra essere ispirata dall’ultimo Steve Wilson ma è “Time travellers” a trascinare l’album su quote più alte. Una ballata acustica, con il cantato di Duda in grande spolvero ed un crescendo da brividi.
Best tracks: “#addicted”, “Discard your fear”, “Time travellers”.  8/10
A 5 anni di distanza dall’ultimo e ottimo “The final frontier” torna in scena  la band icona dell’heavy metal. Pausa lunga per i problemi di salute dell’ugola di Bruce Dickinson, ma il ritorno conferma appieno l’evoluzione ad un Rock più articolato, più ricco, che ben accompagna i testi profondi ed impegnativi del più saggio Bruce. Album in doppio CD e pezzi spesso molto lunghi ed anche i più convincenti: l’epicità di “The book of souls”, la classicità dark-style di “The great unknown” o “The man of sorrows”, l’articolata e bellissima “The red and the black” ed infine la chiusura finale dell’album con i 18 minuti di “Empire of the clouds”, costruita al piano e arrangiata con archi e violini, incedere soffuso e lento per poi esplodere con arpeggi elettrici e riffs di maniera che preannunciano lo sfogo vocale di Bruce. Da sottolineare l’ottimo lavoro alla batteria di Nicko McBrain. L’album non aggiunge nulla di nuovo o di migliore al precedente ma si assesta tra i loro buoni album.
Best tracks: “The great unknown”, “The red and the black”, “Empire of the clouds”. 7/10
 
Nettamente il suo miglior disco solista. E' un Gilmour maturo e libero musicalmente e mentalmente. Libero di staccarsi dagli archetipi floydiani, dai rancori o malumori watersiani, dalle attese specifiche dei suoi fan, dalle pressioni discografiche (ha gia donato il "suo" nuovo e ultimo PF album). Produce ora il suo lavoro più intimo, consapevole di aver già sfoggiato ogni sorta di effetto speciale (più o meno giusto e/o riuscito) a nome PF, ora può  ricomporsi e centrarsi. Ha ascoltato  nuova musica, l'ha integrata al suo patrimonio e ne ha trovato fonti d' ispirazione, in questi lunghi 9 anni. Ha rimescolato e riordinato le idee, le intuizioni ed i suoi obiettivi e ci regala il suo disco più variopinto e completo, ma con la sua identità intatta, i suoi suoni, le sue melodie ed il suo stile già celebrati. Compositivamente nulla di trascendentale o innovativo (sia chiaro)  ma ogni pezzo funziona, anche se spesso strutturato come ciò che gli ha  dato il successo. Partire "alla Shine" lo fece con "Signs of life", "Cluster one", "Castellorizon", ed oggi con "5 am". Il fatto è che non sono più copie ma nuovi brillanti versi su quell'approccio vincente e consolidato, con una chitarra sempre più lacerante e malinconica. La banalità del jingle di "Rattle that lock" è rivalutabile, un pezzo da non sottovalutare, se pensiamo meglio al suo testo cupo e straziante sorprendentemente accompagnato da una musica ritmata e giocosa. Così si giunge subito alla vera perla dell'album: "Faces of stone". Deve averla "sentita" talmente tanto da aver trovato anche le parole (davvero difficile per lui) giuste, quelle per la madre a cui è dedicata. Una malinconica sequenza di note al piano è contrappuntata dal ritmo cadenzato dei fiati (accordion e french horn) creando una ballata dall' atmosfera struggente e magnetica, impreziosita dai suoi intermezzi elettrici culminnate alla fine con quella chitarra tagliente e lacerante, quelle note smorzate, sgommate e sovrapposte che lo hanno reso unico. " A boat lies waiting" è il tributo al suo amico Richard Wright. Lenta e sussurrata, ipnotizzante come nell'osservare una barca allontanarsi nell'immensità del mare. Qui chiama in causa Crosby and Nash, Roger Eno e soprattutto quel Yaron Stavi che sarà il vero valore aggiunto per tutto il disco. Il suo doppio basso timbrerà  quella nuova prima impronta jazzistica accennata su "Dancing right in front of me" in cui spiccano il bellissimo fraseggio chitarristico e appunto le note al piano jazzate. Con "In any tongue" si marca di reminiscenze floydiane: radiosa solennità, sempre contrappuntata al piano (dal figlio Gabriel) e da bellissime orchestrazioni culminanti con l'assolo gilmouriano doc (nel brano compare alla batteria anche un certo Andy Newmark!). "Beauty" potrebbe rimandare a quella "Coming back to life",  ma la supera nettamente: uno strumentale di meravigliose note alla chitarra a dialogare con il piano di Roger Eno in un incedere che ci fa floydianamente decollare! A questo punto non resta che aprire quella porta, ed eccoci nelle atmosfere swing di "The girl in the yellow dress", per nulla banale, anzi, straordinariamente coinvolgente e cullante...con il piano di Jools Holland, il doppio basso di Chris Laurence ed il sax di Colin Stetson. La successiva "Today" è forse il pezzo più debole ma certamente utile nel richiamare il suo passato solista molto pop, per esempio di "About face". Si chiude con "and then..." una prosecuzione del motivo iniziale di "5 am", sviluppato a tutto tondo e che impone cuffie e massimo relax per lasciarci ancora in sospensione come lo stesso titolo sembra imporre. Un plauso dunque alla sua band ormai confermata e consolidata (Pratt, DiStanislao, Carin, Manzanera), alla brillantissima produzione ed all'artwork come sempre curatissimo ed evocativo. Un plauso ancora a questo Signore delle 6 corde, che non pago di aver contribuito a rivoluzionare ed impreziosire il mondo del suo strumento e della Musica tutta, ci offre con il suo approccio dimesso e austero, un nuovo gioiello sonoro in cui è possibile scoprire la sua più intima, affascinnate e struggente natura artistica ed umana.
Best tracks: "Faces of stone", "In any tongue", "Beauty". 8/10
 
ANTIMATTER  will release their new studio album "The Judas table" on 09th october 2015
 
JEAN MICHEL JARRE will release the new studio album "Electronica" on 16th october 2015
Un nuovo disco di Satriani è sempre un regalo che la Musica ci offre per apprezzarne le sue infinite possibilità. La corsa delle sue offerte è implacabile e periodica …e mai banale. Quest’ultimo album non solo prosegue nella sua qualità ma la condensa e l’arricchisce ulteriormente.  Il nostro guitar-hero si avvale di nuove presenze nel suo “staff”, ovvero la band con cui ha supportato il suo ultimo tour: la sapiente ferocia di Marco Minnemann alla batteria (ma c’è sempre spazio anche per Vinnie Colaiuta), Brian Beller al basso ed il suo oramai fido Mike Keneally alle tastiere.  Il “Re dei legati”  si presenta appunto con l’opener “Shockwave Supernova”, potenza stellare! Note più controllate e sfondi tastieristici disegnano l’atmosferica ed avvincente “Lost in memory”. “Crazy Joey” è gustosa accademia chitarristica. Shuffle  e richiami blueseggianti spaziano dentro “In my pocket” ed anche “San Francisco Blue”, si apprezzano anche l'armonica ed un hammond in "Scarborough stomp”. Momenti delicati  e romantici in “Butterfly and zebra”, “Stars race across the sky” e soprattutto “All of my life”, bellissima. Il pezzo più trascinante e devastante è “On peregrine wings”, una tempesta di suoni (dal 02:54 min. wow!) dentro un ritmo incalzante. Il Satriani melodico, commovente curatore di ogni nota e ogni timbrica è (anche) dentro “If there is no heaven” e l’avvincente finale “Goodbye Supernova”. Fantastico Satriani, un chitarrista emozionante e creativo, capace di dimostrare ancora una volta che la tecnica (tantissima) può e deve  essere al servizio del gusto, binomio raro però per molti suoi colleghi, si.
Superlativa anche la grafica ed il  package del CD.
Best tracks: “On peregrine wings”, “All of my life”, “If there is no heaven”, “Goodbye supernova”. 8/10
 
JOE SATRIANI in tour.
Date tour in ITALY: Milano, at Teatro della Luna, 5 october 2015, Firenze, at Teatro Obihall, 06 october 2015, Roma, at Auditorium Parco della Musica, 07 october 2015.
 
 
STEVE WILSON in tour.
Date tour in ITALY: Cremona, at Teatro Ponchielli, 21 september 2015, Roma, at Auditorium Conciliazione, 22 september 2015.
With David Kilminster on guitars and Craig Blundell on drums.
L’attesa è durata 5 anni ed il lungo parto ha estrapolato un doppio CD (con circa 30 pezzi)! David DeFeis, tra le più interessanti ugole della Scena Metal, sforna ancora un progetto ambizioso con la solita matrice epica! Il primo CD rimane sugli stessi territori delle loro ultime produzioni (“Visions of Eden”, “The black light of Bacchanalia”).
“Lucifer’s hammer” apre con il marchio di fabbrica: vocalizzi e ritmica a martello sono integrati da diversi guitar solos aggiunti da Josh Block e, soprattutto nel secondo CD, da Dave Ferrara. Idem per “Persephone” che aggiunge l’immancabile pianoforte. Il polistrumentista DeFeis si cimenta anche in un pezzo dalla ritmica interessante come “Demolition Queen”. Il pezzo più avvincente resta comunque la ballata di chiusura:“Fallen angels”, giocata su un giro di note che si lascia ricordare. Il secondo CD invece scopre territori inusuali, ma solo per certi versi, perché DeFeis (che firma strumentalmente ogni pezzo) richiama le sue influenze principali: Led Zeppelin e Black Sabbath. “D.O.A” è onirica nei suoi sottili rigurgiti psichedelici e “Black Sabbath” è tutto dire! “Anger never Dies” ha refrain e chorus degni di una A.O.R. Rock .”Haunted wolfshine” ha vocalizzi e guitar solo da brividi, il pezzo più esaltante ed anche memorabile insieme a “A greater burning of innocence”, una ballata acustica in cui la voce ed il talento di DeFeis emergono nella loro più cristallina dimostrazione.
Best tracks: “Fallen Angels”, “D.O.A.”, “Haunted wolfshine”, “A greater burning…”. 8/10
 
DAVID GILMOUR will release the new studio album 'Rattle than lock" on 18th september 2015.
 
RIVERSIDE will release their new studio album 'Love, fear and the time machine" on 04th september 2015.
 
CHRIS SQUIRE (1948), the co-founder and longtime bassist of prog rock icons YES and the only member of the group to feature on every studio album, has passed away (27 june) just over a month after revealing that he was suffering from a rare form of leukemia.
The Best innovative Bassist of the Musical Rock Scene!
R.I.P.
 
A 3 anni di distanza dal loro ultimo lavoro “The 2nd law” esce l’album che frena la loro incredibile ascesa, se non commerciale sicuramente musicale.  E’ sempre stato enigmatico spiegarsi il loro successo anche tra il pubblico giovanissimo e “musicalmente disarmato” nonostante la loro musica strizzasse  l’occhiolino al prog ed a molte altre non facili contaminazioni…la loro immagine “cool” li ha certamente aiutati. Il talento straordinario del leader  Matt Bellamy questa volta subisce una fase di stanca o comunque di confusione. Il sound torna più crudo, come alle origini, e la contaminazione elettronica al loro Rock, che rappresentava proprio l’aspetto più interessante, è stata accantonata quasi del tutto. I pezzi sono sempre belli, per chi non li conosce, ma ripetitivi (“Dead inside”, “Mercy”) nel format compositivo e nel loro cantato per chi li apprezza da tempo…hanno però un gusto più intimistico (“Aftermath” trascinata da una chitarra cruda e straziante o dagli archi di “The globalist”).  Sono “The handler” e “Defector” a richiamare spudoratamente le sonorità dell’album “Absolution” . Apprezzabile sempre il concept di base ed i testi impegnati ed illuminati di Bellamy.
Best tracks: “Aftermath”, “The globalist”, “Dead inside”. 7/10
Dopo 4 anni gli ARENA danno seguito al bellissimo “The seventh degree…” e regalano ancora Musica di altissimo livello compositivo ed emotivo. Il sound è più ricco del predecessore, ricontagiandosi, in una certa misura, al prog degli inizi. E’ il confermatissimo cantante Paul Manzi a trascinare i pezzi  ed  è sempre John Mitchell ad arricchirli con note chitarristiche efficaci, puntuali e dal sound cristallino. I tasti di Nolan dettano e puntellano le danze nella loro celebre epicità. “The demon strikes” è l’opener che ben sintetizza quanto detto: si canta e si ricorda a squarciagola. “How did it come to this?” è un vero single di successo, una ballata melanconica che avvolge e poi si congeda con un bellissimo guitar solo di Mitchell. Basta quest’inizio per promuovere l’album e diventa superfluo descrivere ogni altra successiva perla. E’ doveroso segnalare il prog di “The Bishop of Lufford” e la finale “Traveller beware”, le aperture chitarristiche di “No chance encounter”, la dolcezza cullante di “Oblivious to the night”, lo show tastieristico di Nolan dalla Banksiana memoria in "What happened before" e poi “The Unquiet sky”. Si canta e porta lontano, molto lontano.
Best tracks: "The demon strikes", "How did it come to this?", "The unquiet sky", "Traveller beware". 8/10
 
JOE SATRIANI will release the new studio album 'Shockwave supernova"' on 24th july 2015.
 
VIRGIN STEELE will release their new studio album 'Nocturnes of hellfire & damnation"' on 22th june 2015.
 
MARCO MINNEMANN will release the new studio album 'Celebration"' on 01th june 2015.
Quasi in concomitanza con la morte del bassista Mike Porcaro esce il nuovo disco dei Toto, ed è un gran disco! La storia personale della band americana si è sempre intrecciata con quella puramente artistica, tra gioie e dolori. Eventi che hanno inciso anche in cambi di formazione più o meno forzati,  in questa release torna Joseph Williams alle vocals ed alla batteria il talentuoso Keith Carlock sostituisce Simon Phillips. Sin dall’opener “Running out of time” è preannunciata l’intenzione di volerci regalare un album importante, che restituisse i fasti del loro miglior periodo (1982-1988). Un pezzo dinamico e magistralmente arrangiato che rimanda subito al periodo “The seventh one”. La successiva “Burn” è un ispirato hit-single di sicuro richiamo, un sussurrato arpeggio al piano sostiene e sospende la struttura a cui risponde un cantato esplosivo come il suo drumming. “Holy war” è un altro hit-single con tanto di ammiccante refrain e guitar solo. Si cambia registro con “21st century blues”, una blueseggiante ballad che ricorda il periodo di “Tambu” e nel cantato (della roca voce di Steve Lukather) di “Kingdom of desire”.  Con “Orphan” si giunge all’hit-single memorabile. L’arpeggio di chitarra si fonde perfettamente nel cantato vincente di Williams, ma è la batteria che sostiene favolosamente il pezzo rendendolo  davvero travolgente. La crescente, epica   e secca “Unknown soldier” rimanda (soprattutto nel cantato di Lukather) decisamente a quella “I will remember” di “Tambu”, impreziosita dall’elegante e profondo drumming  di Karlock. Da questo momento le atmosfere si fanno piu soft  e seventies con una serie di ballate in cui emerge la vena compositiva di Paich e Steve Porcaro. “The little things” sembra estratta da “Isolation”, quasi sdolcinata ma mai banale, tanto da conquistare subito un personale canticchiato! La successiva “Chinatown” è la perla di Paich che ci trasporta direttamente nei primi 80 (c’è anche David Hungate al basso!), gli accordi del piano sostengono refrain e chorus dei grandi ricordi. Con “All the tears that shine” si tocca il vertice emotivo: il refrain ha un accennato shuffle che sembra evocare quella “Mushanga” di “The seventh one”. Paich parla, sussurra  ed il refrain risponde travolgente. Favolosa! “Fortune”  accenna ad uno swing molto dinamico e magistralmente arrangiato. Infine si chiude con il pezzo più epico dell’album. “Great expectations” fa l’occhiolino decisamente ad “Hydra  e “White sister”, articolata e trascinata dalla chitarra ritmica, contiene diversi passaggi dal vago sapore prog. Insomma un album che più Toto non si può! Nel vero senso della parola. Il produttore CJ Vanston ha saputo collegare ed esaltare al meglio i pezzi all’interno di un sound moderno ma sempre evocativo, in cui non emergono "solos assassini" ma grande coesione, fusione e raffinatezza tra i suoni. Un nuovo must nella carriera di questa storica band, che suona ancora la Musica, come poche.
Best tracks: “Running out of time”, “Unknown soldier”, “All the tears that shine”.  8/10
 
 
MIKE PORCARO (1955), lovely Toto's bassist, passed away on March 15th.
R.I.P.
 
FAITH NO MORE will release their new studio album "Sol invictus" on 19th may 2015.
Date tour in ITALY: Milano, at Sonisphere, 02 june 2015.
 
JETHRO TULL in tour.
Date tour in ITALY: Roma, at Auditorium Conciliazione, 20 april 2015.
 
DAEVID ALLEN (1938), a founding member of the influential jazz outfit Soft Machine and the driving force behind the prog-rock group Gong, passed away on March 12th.
R.I.P.
 
OZRIC TENTACLES in tour.
Date tour in ITALY: Pordenone, at Il deposito, 03 may 2015, Roma, at Planet Club, 05 may 2015, Bologna, at Locomotiv Club, 06 may 2015.
 
MUSE will release their new studio album "Drones" on 08th june 2015.
Date tour in Italy:  Roma, at Rock in Roma Ippodromo Capannelle, 18 July 2015.
 
ARENA in tour.
Date tour in ITALY: Verona, at Club Il Giardino, 15 april 2015.
 
DREAM THEATER in tour.
Date tour in Italy: Bari, at Prog in the Castle, 30 June 2015, Roma, at Auditorium Cavea, 01 july 2015, Pistoia, at Blues Festival, 19 july 2015.
 
DAVID GILMOUR in tour.
Date tour in ITALY: Verona, at Arena, 14 september 2015, Firenze, at Teatro La Mulina, 15 september 2015.

Steven Wilson rappresenta oggi il migliore (e noto) esempio di musicista devoto TOTALMENTE alla Musica. Personalmente lo seguo dal 1995, quasi dai suoi esordi nel mondo discografico, aveva solo 18 anni! Appena maggiorenne aveva prodotto già 3 lavori con i Porcupine Tree e “The sky moves sideways” era un vero inno alla musica floydiana, il suo background cromosomico. Il successo che ebbero in Italia facilitò il mio apprezzamento…da allora fu un autentica scalata di progetti e collaborazioni senza sosta ma con tanta dedizione e talento: IEM, No-Man, Bass Communion, Blackfield… produzioni, missaggi e collaborazioni per Opeth, Fish, Marillion, Anathema, King Crimson, Jethro Tull, Yes. Con “The  incident” del 2009 chiude ai Porcupine Tree per intraprendere una carriera solista e focalizzarsi libero da condizionamenti (discografici) e forte delle esperienze  (musicali) acquisite. Da “Insurgentes” del 2009, in cui assembla una serie di pezzi che ne riconoscessero i suoi diversificati orientamenti ed origini musicali, perfeziona il suo lavoro compositivo circondandosi di musicisti di elevatissimo talento tecnico: Adam Holzman, Guthrie Govan, Nick Beggs, Marco Minneman... e produce 2 album  che lo consacrano come vero Principe Prog. Con quest’ultimo “Hand. Cannot. Erase” giunge già alla perfezione, attraverso un equilibrio quasi sconcertante di quanto finora fatto, coadiuvato ancora una volta dai suoi fidi esecutori. Il viaggio sonoro perfetto inizia con le note accennate al piano e samples ambient di “First regret” e decolla con “3 years older” dagli accennati richiami ai Camel ed ai Genesis ed impreziosita da numerose articolazioni sul refrain strutturale vincente. Così è il momento di presentare subito un bel singolo di successo ma non per questo banale, con avvincente linea melodica e saldissima sezione ritmica: “Hand. Cannot. Erase.”. “Perfect Life” è il pezzo  alla Porcupine Tree! Samples ambientali introducono il parlato di Katherine Jenkins che fa esplodere in risposta il cantato ipnotico di Steve che si carica di ritmo e tanta struggente nostalgia. Non si farà dimenticare! In “Routine” si ritorna al Prog Seventies dei suoi ultimi lavori: note al piano con diversi intermezzi solistici ed annessi interventi della bellissima voce femminile di Ninet Tayeb ed i cori della The Cardinal Vaughan Memorial School Choir. Il pezzo termina con un malinconico arpeggio di chitarra e cantato di Steve. “Home invasion” è un revival di Prog in cui ognuno dei musicisti gioca funambolico e raffinato sullo strumento, la struttura è dettata dai tasti magici del fender rhodes di Adam Holzman ed i tempi astrusi e secchi di Minneman. Ora inizia il viaggio cosmico! “Regret #9” parte con l’assolo al Moog di Adam, incredibile! Il basso profondo ci immerge nel favoloso assolo chitarristico di Govan e lo strumentale è servito! Steven pensa bene ora di cullarci con un bell’arpeggio acustico ed un cantato melodico di forte richiamo, è appunto “Transience”. Questo “intermezzo” introduce il pezzo indescrivibile: “Ancestral”. Variopinto pathos, pathos da ogni nota, da ogni millimetro sonoro scelto ed incastrato. Come se non bastasse SW ci regala la più bella ballata del decennio: “Happy returns”. Suona struggente, suona bellissima ed indimenticabile, impreziosita ulteriormente da un lavoro alle chitarre da brividi (oltrechè dal gusto sopraffino alla batteria di Chad Wackerman!). Brividi che ci accompagnano tra le note dolci del piano e dei cori che fanno conclamare decisamente ad un  capolavoro. Un disco che può essere apprezzato a tutti i livelli possibili di comprensione musicale, può essere ascoltato facilmente nelle righe o tra le righe musicali lasciando comunque strascichi emozionali straordinari perché compositivamente ispirato e vincente, perchè ricchissimo di suoni perfettamente scelti, sviluppati ed incastrati.
Best tracks: “Perfect life”, “Regret #9”, “Ancestral”, “Happy returns”.  9/10
 
ARENA will release their new studio album "The unquiet sky" on 27th April 2015.
Dopo poco più di un anno dall’esperienza Colonna Sonora di “Axiom”, gli Archive sfornano un nuovo album dai suoni sempre più industrial e trip hop.  Holly Martin domina  il contributo vocale, forte del successo del precedente “With us until…”, e sono proprio i pezzi in cui lei vocalizza che sembrano i più coinvolgenti (“Kid corner”, “End of our days” e soprattutto  la romantica e sussurrata “Black and blue”). Il resto sono richiami ai Massive Attack ed ai Portishead, pezzi molto percussivi ( “Restriction”, “ Ruination”, “Crushed”), dinamici quanto scarni, che abbandonano le aperture elettroniche, cosmiche ed ipnotiche di “Lights”, “Pills” o “Controlling crowds”, per esempio. Ad eccezione della delicata  “Third quarter storm” o l’interessante “Greater goodbye” non ci sono spunti originali o composizioni ispirate, un album insomma che non aggiunge nulla di nuovo a quanto finora proposto dalla band.
Best tracks: “Greater goodbye”, “Third quarter storm”, “Black and blue”.  7/10
 
SUPERTRAMP in tour ("Forever tour").
Date tour in ITALY: Milano, at Mediolanum Forum, 09 november 2015
 
EDGAR FROESE (1944), founding member and keyboardist of the long-running band TANGERINE DREAM and an electronic music pioneer, passed away  on January 20th. 
R.I.P.
 
New album by AC-DC, SCORPIONS, OZRIC TENTACLES, MARK KNOPFLER and EUROPE. 
 
GAZPACHO will release the new live album "Night of the demon" in May 2015.
 
STEVEN WILSON in tour.
Date tour in ITALY: Milano, at Teatro Dal Verme, 30 march 2015, Roma, at Teatro Sistina, 31 march 2015.
 
TOTO in tour.
Date tour in ITALY: Milano, at Parco Monte Stella, 03 july 2015, Roma, at Auditorium Cavea, 05 july 2015, Taormina, at Teatro Antico, 19 july 2015.
 
THE GENTLE STORM in tour.
Date TOUR in ITALY: Roma, at Traffic, 21 february 2015, Milano, at Lo-fi, 25 february 2015, Bologna, at Locomotiv, 26 february 2015.
 
THE GENTLE STORM is the new band featuring ARJEN LUCASSEN & Anneke van Giersbergen Anneke van GiersbergenANNEKE VAN GIERSBERGEN. They will release their first album "The diary" on 25th march 2015.
 
STEVE HACKETT will release the new studio album 'Wolflight"' on 30th march 2015.
 
STEVEN WILSON will release the new studio album 'Hand. Cannot, Erase."' on 02th march 2015.
 
TOTO will release their new studio album 'Toto XIV' on 20th march 2015.
 
Dopo una serie di gioielli che iniziarono da “Not of this world” del 2001,  la Prog Band inglese attraversa con quest’ultimo lavoro una fase confusa di cambiamento iniziato ma non ancor ben assestato. Il mitico chitarrista e leader della band Nick Barrett vira indeciso con quest’album a sonorità più cupe, quasi claustrofobiche e sussurrate. Spariscono quasi totalmente i suoi assoli chitarristici e con essi anche il buon batterista Scott Higham lascia le pelli a Craig Blundell, a conferma di un certo tormento nella storia della sezione  ritmica della band. Ed è proprio “In bardo” l’unico episodio in cui emergono le maestranze sugli strumenti dei singoli musicisti, momenti di gloria per Barrett, Blundell ed il tastierista Nolan che si limita nell’intero album a cucire con i “suoi” tappeti sonori. Le note taglienti ed il “sustain” tipico di Barrett sono ancora presenti sulla più ariosa e zuccherata “Beautiful Soul”, nelle malinconiche quanto astruse “Faces of darkness” e “For when the zombies come”.  “Explorers of the infinite” è sicuramente il pezzo più riuscito e coinvolgente. Una composizione tipica Barrettiana trascinata da una melodia efficace e sussurrata da un arpeggio malinconico quanto suggestivo. Sprazzi di grandi Pendragon dunque, sprazzi anche di novità ma anche sprazzi di “confusione” compositiva. Forse i semi gettati per un nuovo futuro e sempre brillante capitolo di questa gloriosa Band.
Best tracks: “Faces of darkness”, “For when the zombies…”, “Explorers of the infinite”.  7/10
 
E’ il quarto album del progetto “Lunatic Soul” di Mariusz Duda, eclettico musicista polacco meglio noto come leader dei Riverside.
Rispetto soprattutto agli ultimi Riverside, Duda percorre con questo progetto una strada decisamente più intimistica, melodica ed elettronica. “Walking…” si discosta più di tutti dai primi 3 album in puro stile “New Age” e raggiunge un ottimo equilibrio con il Rock richiamando le sonorità care agli Anathema e quelle oscure (e maschili) dei Dead Can Dance.  Le prime 3 tracce sono sequenze percussive e dall’incedere ipnotico e  Duda, che nell’album suona tutti gli strumenti ad eccezione della batteria, impreziosisce con il suo pirotecnico basso il finale di “Gutter”. Le tracce proseguono su sentieri più sperimentali e psichedelici con vaghi echi orientali tipici dei primi 3 album, “Treehouse” la più rockeggiante, “Pygmalion’s ladder” la più Prog. Il finale regala il capolavoro: “Walking…” è costruita su una vincente linea melodica che culmina con un arpeggio favoloso a tutto richiamo dei migliori “The Cure”.
Best tracks: “Shutting out the sun”, “Cold”, “Gutter”, “Walking on a  flashlight beam”.  8/10

 


FISH in tour.
Date tour in ITALY: Mestre, at Teatro Corso, 07 february 2015, Milano, at Blue Note, 08 february 2015, Roma, at Planet Club, 11 february 2015, Firenze, at Viper Club, 13 february 2015.
 
STEVEN WILSON's (PORCUPINE TREE...) fourth solo album is scheduled to be released in February 2015
Sembrava che la storia discografica dei PF (anche l' ultima senza Waters) fosse terminata con “The Division Bell” del 1994 . La morte successiva  e prematura del timido ma brillante tastierista Richard Wright non poteva che suggellare questa tesi. Invece Gilmour, che già aveva in qualche occasione ricostruito almeno formalmente e più civilmente i rapporti con Waters, spiazza tutti con l’esigenza di dedicare e riconoscere ufficialmente i meriti di Wright nel Sound floydiano, recuperando vecchie registrazioni del 1993 e rielaborarle poi con il marchio Pink Floyd. Gilmour e Mason si accompagnano a Phil Manzanera, Youth ed Andy Jackson per la selezione dei pezzi e gli stessi, seppur in modo marginale, contribuendo anche  sugli strumenti.
L’album è strutturato in 4 parti, quasi interamente strumentale.
Si parte con “Things left unsaid”, intro di effetti che funge anche da raccordo con quello che sarà l'epilogo, e si prosegue con “It’s what we do” quasi  a far saper subito chi sono o, forse, chi erano. Forti i rimandi al periodo “Wish you were here” con le raffinate keys di Wright. La breve intermission  “Ebb and flow” introduce la convincente “Sum”. Un "benvenuto alla macchina" con una grande ritmica dettata dai tom di Mason e poi l' organo ipnotico di Wright,  le estensioni chitarristiche di Gilmour ed i vari  sequencer a rimandare al Sound che li ha resi celebri. Il brano conduce all'altra bellissima ritmica tribale e percussiva impartita da Mason in “Skins”.  “Unsung” è un breve dialogo delicato tra Wright e Gilmour con vaghe reminiscenze ed inquietudini di “Echoes”. Si giunge con “Anisina” alla fine della parte 2. Il pezzo è proprio del “The division bell” Sound, impreziosito da clarinetto e sax tenore e concluso con la chitarra “a tutto tondo” di Gilmour. “The lost art of conversation” è una bella e breve composizione di Wright al piano dagli accenti lievemente jazzistici. “On noodle street” una sorta di delicato e breve swing su tappeti di synth floydiani e “Night light” un altra breve intermission di effetti che conduce a “Allons-Y 1”. Qui i rimandi al periodo “A saucerful of secrets “ e poi di “Animals” si fanno piu intensi, chitarra ritmica di Gilmour in evidenza per una cavalcata davvero coinvolgente. Con “Autumn ‘68” (no Summer!) i brividi affiorano davvero: pipe organo sensazionale di Wright puntellato da Gilmour alle 6 corde. Si ritorna sulle note di “Allons-Y 2” per introdurre il vero decollo: “ Talkin’ Hawking”. Pezzo costruito su un giro di accordi al piano e perfettamente armonizzato, bilanciato ed impreziosito da cori favolosi, stridule chitarre e voci sintetizzate (è quella di Stephen Hawking!), struggente gioiello. Con “Calling” inizia l’ultima parte, forse quella più interessante. Note inquietanti dalla chitarra straziante di Gilmour aprono le strings in Vangelis–style. Il brano prosegue con il bellissimo ed ipnotico contrappunto di accordi di “Eyes to pearls” sui bellissimi tappeti di effettistica, hammond organo e farfisa. La successiva “Surfacing” gira su un bell’arpeggio di chitarra acustica, tappeti di sintetizzatori e gli immancabili suoni striduli della chitarra solista di Gilmour. È il brano etereo che introduce la conclusiva e cantata “ Louder than words”.  Una ballata floydiana con avvincente refrain, cori e piano, e conclusa con assolo controllato di Gilmour. “E’ più forte delle parole”, si, quest' album e di ogni vicissitudine legata al loro percorso artistico e non. La loro musica ha parlato sempre meglio di tutto ed anche in questo caso il risultato è lo stesso: tanta emozione. Waters scuoterà ancora il capo nell’ascoltare questa Musica oramai compassata, bella ma quasi stucchevole come la cover dell’album, d’altronde. Eppure, dalla rottura del 1983, il marchio Pink Floyd di Gilmour produce questo: bella musica floydiana ma priva della concettualità, della sperimentazione, delle geniali intuizioni ed innovazioni dettate da Waters. Un album bello, mai gridato ma raccontato, accennato (la stessa chitarra di Gilmour non invade e non domina come nei precedenti lavori), magistralmente costruito e prodotto (cura sconvolgente dei dettagli: basti pensare alla fusione dei pezzi, come il passaggio tra "Unsung" e "Anisina") ed onesto, si,  per dare un ultimo regalo ai fan e soprattutto un tributo all’amato Richard Wright.
Best tracks: "Sum", "Autumn '68", "Talkin' Hawkin", "Calling", "Eyes to pearls", "Surfacing", "Louder than words". 8/10

A dare un seguito al magnifico “March of progress” di 2 anni fa, ci pensa questo nuovo gioiello musicale di una  band che ha avuto diversi cambi di formazione ma che stavolta trattiene ancora l’ugola Damian Wilson. Ed è la sua voce incisiva e profonda  a marchiare meravigliosamente  la loro musica. Sound sempre potente e perfettamente bilanciato tra gli strumenti. Il chitarrista e leader Karl Groom traina le composizioni con i suoi arpeggi e riff magistralmente poi legate ed impreziosite dal gusto timbrico e armonico del fido tastierista Richard West. “The box” è il pezzo piu articolato e prog, “Lost in memory” e “Autumn red” Threshold-Style al 100% con ritmica martellante su tappeti  arpeggiati e refrain, “The mystery show”ha il refrain epico ed epocale che si canta a squarciagola senza mai stancarsene e dimenticarsene, ma è “Siren Sky” il vero gioiello dell’album. L’intermezzo strumentale (poco prima del quarto minuto) di guitar solo e successive fughe di pad è un brivido che ipnotizza e non si vorrebbe mai terminasse!
Best track:  “The box”, “The mystery show”, “Siren sky”. 8/10

L’inesauribile ispirazione connota questo tratto maturo e avanzato della vita artistica di Franco Battiato. Forse il periodo migliore, quello in cui  solo i Grandi (Artisti) esprimono al meglio il loro valore. Battiato straripa oggi di forza non solo artistica, e questo è possibile constatarlo nei suoi spettacoli "live" dove l’ironia e l’autoironia dei suoi intermezzi dominano quasi sulla stessa Musica proposta.
Dopo il suo ultimo capolavoro “Apriti sesamo” l’artista ancora sforna e torna alla sua vecchia passione: l’elettronica. Il progetto con il suo “cybersound's producer” Pino Pischetola abbraccia un elettronica sofisticata e raffinatissima in cui il recupero di vocoder e moog si innesta tra i suoni di archi, organi  e i più moderni cibernetici, tra il pianoforte e la sua voce rarefatta... verso un viaggio “trance”! E’ un Battiato immenso e sempre piu mistico.
Best tracks: “Leoncavallo”, “Le voci si faranno presenze”, “L’isola elefante”, “Proprietà proibita”. 8/10
 
FLEETWOOD MAC reveal to record a new album with Christine McVie and World Tour 2014/2015
 
PINK FLOYD   will release their new studio album ‘The endless river"’ on 10th November 2014

La leggendaria voce del Rock ritorna con toni sussurrati e raffinati, ma mai in modo banale o scontato. Anche quest’ultimo album rimane in un contesto folk intriso di elettronica (“Little Maggie”) e sonorità medio-orientali (“Pocket of golden”). Grande equilibrio dei suoni ed il bel timbro vocale di Plant che emerge all’interno di composizioni piacevoli ma non indimenticabili. “Turn it up” rimanda ai vocalizzi Led Zeppelin, “House of love” all’era di “Fate of Nation”, “Astolen kiss” è un intima ballata pianoforte  e voce, “Up on the hollow hill” ballata intrisa di elettronica, “Embrace another fall” il pezzo più coinvolgente.
Best tracks: “Little maggie”, “Embrace another fall”. 7/10

La band statunitense cavalca la sua new-wave evoluta con un ritorno alle sonorità di “Antics”. Suoni diretti e melodie trascinanti. Le composizioni sono tutte ispirate e gradevoli, tutte con refrain trascinanti: la ritmica e danzereccia “All the rage back home”, l’ipnotica “My desire”, la ballata ossessiva di “Anywhere”, la ballata dolcissima “My blue supreme”, l’indie rock di “Breaker 1”.
Best tracks: “My desire”, “Anywhere”, “My blue supreme”. 8/10

Accantonati gli esordi doom-metal, il leader Mikael Akerfeldt trascina la band ormai verso sonorità progressive dei Seventies e Svalberg domina la scena nell’album con un organo onnipresente ed ispirato. I pezzi sembrano uscire dagli ultimi lavori di Steve Wilson (che collabora da tempo con la band), epici cori strasbordano un po’ ovunque ma c’è spazio anche allo space-rock di “Goblin” a richiamare anche gli Ozric Tentacles. Il finale (“Faith in others”) è struggente, archi e cantato non si lasciano dimenticare ed il motivo portante è di quelli che cullano ed ipnotizzano. Un pezzo capolavoro!
Best tracks: “Eternal rains will come”, “ Moon above, sun below”, “Goblin”, “Faith on others”. 8/10

John Payne rivisita alcuni pezzi prog (ma non troppo!) con il solo apporto di Bruce Bouillett e Moni Scaria alle chitarre ed il fido Jay Schellen alla batteria. Favolosa “Rock and roll star” e l’intro strumentale “Sirius” (di Alan Parsons) acquista nuovi bellissimi suoni e forza ritmica.
Best tracks: “Sirius”, “Eye in the sky”, “ “Rock and roll star”. 7/10

La formazione cambia ancora il cantante: Benoit David lascia il posto a Jon Davison, non è Jon Anderson ma il timbro vocale è ancora molto simile! Davison partecipa alla composizione di molti pezzi ma la musica purtroppo non decolla quasi mai, vira verso sentieri piu Pop ma senza l’ispirazione che caratterizzò invece la tentazione commerciale di album come “90125” o “Big Generator”. Sembra piu un ibrido del periodo “Tormato”, la fase più buia della storia musicale Yes! Grazie alla ballata di “to Ascend” ed il prog epico e seventies di “Subway walls” l’album può comunque essere acquistato. Bella la cover art di Roger Dean.
Best tracks: “to ascend”, “Subway walls".  6/10


PINK FLOYD will release "The endless river" in october , their first album since 1994's "The division bell". It's a Richard Wright tribute and it includes tracks from "The division bell"'s  recording sessions  (Roger Waters  does not seems to be  involved). 

With this album  Anathema have confirmed and strengthened their absolute musical value  in terms of melody and emotional sound from year to year and from album to album. "Distant satellites" has the drawback to repeat for the third consecutive album the same structure and sequence composition but it always maintains his emotional contribution. The highly successful suite in 3 parts "Untouchable" is here replaced by "The Lost Song", with the same convincing vocal contributions of Lee Douglas that gives "anathemic" chills in part 2! "Ariel" is a lovely vocal duet between Lee and Vincent Cavanagh with a little 'folk' taste. "Anathema" seems to be their worthy and summary musical manifesto, obsessive and relentless till a dominant first electric guitar which usually "lies behind the scenes." This time the hard rhythms are more vibrant thanks also to the versatile Daniel Cardoso's contribution. "You are not alone" seems to wink to Radiohead and "Firelight" introduces the most successful and engaging piece with an floydian organ, which is the title track. "Distant Satellites" is an atmospheric, relentless, haunting and hypnotic, built on a solid and slightly electronic rhythmic base.
Best tracks: "Distant satellites," "The lost song part 2", "Anathema".  7/10

The genious inventor of Ambient Music has just made a new collaboration: Karl Hyde of Underworld (band of House Music and Electronics). This "Someday World" is one of his most successful and inspired works of the last 10 years. A series of rhythmic and melodic pieces, original and abstruse enough, with a strong use of wind and percussion instruments and a few sampler to connote a "seventy and eighty" sound. "Mother of a dog" seems to come out of the hat of Depeche Mode.
Best tracks: "The satellites", "Witness", "Strip it down."  8/10

"The road of bones" is the tenth studio album of this glorious band in prog scene. They usually make a new interesting album every five years but this is their masterpiece since "Subterranea" of 1997. Since that album, the band has changed his  bassist John Jowitt and keyboardist Martin Orford who have been replaced by Mark Westworth first and then by Neil Durant. Although several changes of the line-up Holmes and Nicholls have always been able to make good level standard albums and the last one represents the best quality of their music ever. "From the outside in" starts with rousing riffs and refrains part in a great sweep to introduce the atmospheric and colorful "the road of bones". Durant shows his best value and contribution to the composition, the sound looks after every detail and its ivory keys give strong emotions. "Without walls" is the most progressive and epic of the album and the vocal timbre of Nicholls gives its best. "Ocean" is a beautiful ballad with a lulling rhythm, and enjoy all the upbeat. This would be enough to close a superb album but the IQ want to give a second album (for a  "limited edition CD") of other great music (rhythm section in evidence, "Ten Million demons" and "Hardcore" above all).
Best tracks: ALL tracks!  9/10

The British band essayed the trip-hop, electronics, the progressive and now embarks on a "small" soundtrack, again with good results. After many alternations in the band Keeler, Griffiths, Berrier and Pen seem to have found a consolidated dimension. The album takes not more than 30 minutes and the "leitmotif" that drags the whole work is mesmerizing sequence of "Axiom". The famous vocals are entrusted to a beautiful and poignant "Distorted angels" and more rhythmic "Baptism." "Transmission completed date" is the most magnetic and percussive piece. A beautiful work but it does not add much more to what has been done by the band.  
Best tracks: “Axiom”, “Transmission data terminate”.  7/10

A Fourth album after Wetton's return, who was replaced by John Payne during his long and successful stint in the band. Just as the predecessors,  "Gravitas" is also a good album in full Asia Style, a kind of melodic and rousing rock where there are the beautiful vocal lines of a great Wetton at his best, the rhythmic section is more obvious and the keyboards are limited to enhance rather than to tow. These are the emerging elements rising from the album with the contribution of  a young skilful guitarist, such as Sam Coulson,  who replaced the legendary Steve Howe, being busy with the YES.  The disc starts with the pulsating and engaging hit single "Valkyrie". Then the beautiful "Gravitas", that  besides including a moving progression of piano notes supporting beautifully the piece, also compels a final guitar solo of an extraordinary Coulson! "The closer I get to you" contains vocals like Yes style, "I would die for you" was retrieved from the suspended archives (1986) and finally successfully created, "Joe DiMaggio's glove," is a ballad with a refrain not to forget.
Best tracks: "Valkyrie", "Gravitas", "Joe DiMaggio's glove". 7/10

The artist leaves the new age and the ambient sounds to return at commercial sounds of the 80 years ("moonlight shadow", for instance) using a promising young singer, Luke Spiller (great performance for "I give myself away"). It's a pop with many "California Beat Style" ballads or Paul McCartney's echoes ("Dreaming with the wind", "Man on the rocks"), sounds more rock and epic with "Chariots" and "Nuclear". Pleasant album, well-designed but not memorable.
Best tracks: "I give myself away", "Dreaming in the wind". 7/10
 
"St. Carolyn by the Sea/Suite from there will be blood" is the new album from the Jonny Greenwood's (Radiohead) and Bruce Dessner's  (The National) collaboration.
Out 03 march 2014, Deutsche Grammophone/Universal. 
Gazpacho are confirmed yet group with a strong identity in the progressive rock scene. This new album is even more complex and inspired from a compositional point of view. All tracks have a complex and almost atonal structure with sudden inserts melodically memorable ( the notes turn of piano within "I've been walking"), nostalgic voices like from a gramophone and oriental references ("Death Room"), parisian atmospheres with the accordion of "The wizard of Altai Mountains".  The final ("The Cage")  return to the more classic Gazpacho Sound Style of "Tik Tok" or "Night" album with the epic orchestrations. The guitars are only hinted at and almost replaced by the violins that dominate an album hard as it is fascinating.
Best track: "I've been walking-suite". 8/10
 
In recording studio for A NEW ALBUM:
ANATHEMA, PENDRAGON, YES, THRESHOLD,  JOHN WESLEY, VIRGIN STEELE, JEAN MICHEL JARRE, DAVID GILMOUR, ROGER WATERS
 
IQ will release their new studio album 'The road of bones' on  May 2014.
 
ASIA will release their new studio album 'Gravitas' on 21th March 2014.
SAM COULSON is the new young & virtuoso guitarist in the line-up.
 
IAN ANDERSON will release his new studio album 'Homo erraticus' on 14th April 2014.
 
TANGERINE DREAM in tour.
Date TOUR in ITALY: Torino, at Teatro Colosseo, 09 June 2014 
 
Superjazzband THE ARISTOCRATS in tour.
Date TOUR in ITALY: from 20 March 2014 in Milano, Brescia, Pisa, Modena, Verona, Torino, Perugia, Teramo, Taranto, Caserta until Roma at Planet Rock, 09 April 2014.
 
CRIMSON PROJEKCT to support the new live album 'Live in Tokio'.
Date TOUR in ITALY: Chieti, at Auditorium Supercinema, 29 march 2014 - Bologna, at Teatro Manzoni, 30 March 2014 - Milano, at Auditorium Fondazione Cariplo, 31 March 2014 - Roma, at Auditorium Parco della Musica, 01 April 2014 - Firenze, at Viper Theater, 02 April 2014.
 
KEITH CARLOCK is the new TOTO's drummer. A brilliant musician of Jazz area.
TOTO are in studio to record  a new album.
 
GAZPACHO will release their new studio album ‘Demon’ on 17th March 2014.
 
ARCHIVE will release their new studio album ‘Axiom’ on 12th May 2014.
 
CYNIC  will release their new studio album ‘Kindly bent to free us’ on 18th February 2014.
 
CAMEL have had to replace keyboard player Guy LeBlanc with previous band member Ton Scherpenzeel for their next batch of live dates.
Date TOUR in ITALY: Torino, at  Hiroshima, 20 March 2014 - Vicenza, at Teatro Comunale,  21 March 2014
 
Superband TRANSATLANTIC in tour.
Date TOUR in ITALY: Milano, at Alcatraz, 02 March 2014 - Rome, at Orion-Ciampino, 03 March 2014